Wicca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Menu rapido
Wicca
Correnti
Wicca britannica tradizionale
Altre denominazioni wiccane
Punti base
Dottrina wiccanaLiturgia wiccana
Gerald GardnerStoria della Wicca
Chiesa wiccanaRuota dell'Anno
Simbologia wiccanaWiccanità
Voci attinenti
Mondialismo
Eclettismo
Neopaganesimo
Portale Wicca

La Wicca [1] (in italiano pronunciabile [wikka] o [vikka] [2]) è la più diffusa e influente delle religioni appartenenti al movimento neopagano. La religione wiccana venne presentata per la prima volta nel 1954 attraverso gli scritti di un ex funzionario pubblico britannico esperto di esoterismo, Gerald Gardner. [3] Questi affermò di essere stato iniziato ad una vecchia tradizione misterica, continuazione dei culti esoterici medievali etichettati come stregoneria a loro volta imperniati sulle religioni pagane dell'Europa antica. La veridicità delle esperienze di Gardner rimane controversa, parecchi studi moderni sostengono ad ogni modo come la teologia wiccana iniziò ad essere compilata non prima degli anni Venti. [4] La Wicca ha subito negli ultimi anni una capillare diffusione nel mondo postcristiano e non. Comunità, associazioni e Chiese sono oggi presenti particolarmente in America settentrionale, in America meridionale, in Europa e in Oceania. Piccoli gruppi sono presenti anche in Africa meridionale [5], in India [6][7], a Hong Kong, a Singapore e in Giappone.

Non esistono attualmente dati stabili sul numero di aderenti della religione wiccana. L'ingente vastità del fenomeno, oltre che le sue conseguenze e impatti culturali lasciano pensare ad ogni modo che la stima più credibile si aggiri intorno ad una cifra che va dai 3 ai 5 milioni di praticanti nella sola America settentrionale[8]. Altre stime limitano il numero globale di aderenti a circa 800.000[9].

Wicca non è sinonimo di Paganesimo, così come Wiccano non è sinonimo di pagano, è semplicemente una branca del paganesimo come altre, come il Druidismo e l'Odinismo.

Indice

[modifica] Nomenclatura

Il termine Wicca (oggi pronunciato [wikka] e talvolta arricchito del suffisso -ismo riportandolo come Wiccanesimo) è un termine ripreso dall'inglese antico, nel quale wicca — al maschile, pronunciato [wɪʧʌ] — e wicce — al femminile, pronunciato [wɪʧe] — stanno rispettivamente ad indicare quello che oggi si intende per "stregone" e "strega", ovvero praticanti della stregoneria, definizione collettiva di tutta una serie di culti misterici ed esoterici diffusi sotterraneamente nel Medioevo. Effettivamente tali termini sono alla base anche delle definizioni in inglese moderno — apparse nel XVI secolo — di witch, "strega", e witchcraft, "stregoneria", attraverso il passaggio inglese medio di wicche, originariamente sia maschile che femminile in seguito solo femminile per lasciare spazio alla formazione di wizard e warlock, le forme maschili. Risalire all'origine dei lemmi in inglese antico wicca e wicce è arduo. Rosemarie Lühr ne riconnette le radici a wigol, ovvero "profetico", e wīglian, verbo che indica il "divinare" (connessi anche con il basso tedesco medio wichelen, "incantare", e wicker cioè di nuovo "incantare" o in senso sostantivo "incantatore", "indovino") e suggerisce un legame anche con il protogermanico wigon, geminato in *wikkōn. [10] La forma base si pensa fu wicce derivata da *wikkæ, prodotto dal protogermanico wikkon. Un'etimologia alternativa suggerisce tuttavia la derivazione dal verbo wiccian a sua volta mutuato da *wikkija. [11] La radice protoindoeuropea da cui si pensa siano discesi tutti questi lemmi è *wic- o *weik- (letteralmente "separare", "dividere", "piegare" o "dare forma"). L'American Heritage Dictionary suggerisce invece una mutuazione da *weg-, cioè "essere vitali", derivato dall'ancestore protogermanico *wikkjaz. [12] Walter William Skeat ha infine individuato una probabile etimologia nel protoindoeuropeo *weid- e nell'inglese antico wita (letteralmente "uomo saggio") e witan (cioè "conoscere"), considerandoli una corruzione dell'ancestrale *witga. Gran parte degli studi moderni rifiutano quest'ultima proposta e i termini wicca e wicce continuano spesso a rimanere etichettati come di origine oscura. Nella modernità il termine utilizzato per la prima volta dallo stesso Gerald Gardner nei suoi libri fu Wica, in seguito rimpiazzato dal, come precedentemente notato, più antico e corretto Wicca. Gardner non utilizzava in verità il lemma per indicare la religione che stava divulgando, ma ne faceva uso come nome di massa a designo dell'intera comunità dei fedeli (la Wica). [13] La religione in se era infatti chiamata Witchcraft, cioè "Stregoneria" (termine con il quale la Wicca viene ancora nominata in alcune circostanze), con l'iniziale maiuscola per dare un distacco dalla stregoneria medievale, disorganizzata e sotterranea. Gardner chiamava i praticanti singoli witch, ovvero "strega", e wizard o warlock, in italiano "stregone". Con il passare del tempo, dato che le definizioni di Stregoneria e strega o stregone — sebbene ancora in uso — sono spesso causa di fraintendimenti, la nomenclatura più diffusa trovò una stabilità nel termine Wicca per indicare la religione nel suo complesso e nell'aggettivo e sostantivo mutuato wiccano per indicare il fedele alla religione. Wiccano è un'italianizzazione dell'inglese Wiccan, che, sebbene oggi utilizzato come aggettivo e aggettivo sostantivato (ovvero sul modello di Christian, cioè "cristiano", Confucian, cioè "confuciano", Xiantian, cioè "xiantiano", piuttosto che Zoroastrian, cioè "zoroastriano"), deriva direttamente dall'inglese antico nel quale era utilizzato come plurale sia di wicca sia di wicce. Un altro nome attraverso cui viene indicata la Wicca è quello di Vecchia Religione, denominazione ereditata quasi certamente dalla Stregheria e tutt'oggi condivisa sia da questa tradizione sia dalla Wicca. Tale definizione è radicata nella convinzione sull'effettiva veridicità delle teorie di un ipotetico culto ancestrale della Dea Madre — universalmente diffuso nell'Europa preistorica e trasversalmente nelle spiritualità pagane del mondo classico —, da cui la religione wiccana discenderebbe. Idee di questo tipo trovano oggi diversi detrattori. Per questo motivo la sopracitata etichetta per la Wicca non è accettata da molti aderenti.

Raffigurazione della Dea. La Luna spicca come ricorrente elemento iconografico.
Raffigurazione della Dea. La Luna spicca come ricorrente elemento iconografico.

[modifica] Storia

Per approfondire, vedi la voce Storia della Wicca.

Tutto ciò che si conosce oggi sulla storia della religione wiccana è ricostruito in base alle testimonianze lasciate da Gerald Gardner e da studiosi degli anni successivi alla sua scomparsa. Si deve tenere inoltre conto del fatto che l'interesse per la Wicca è di fioritura piuttosto recente, e dunque sono presenti tratti, in particolare quelli legati all'origine della religione, che rimangono relativamente oscuri. La Wicca fu per la prima volta presentata al grande pubblico nel 1954, quando Gerald Brosseau Gardner pubblicò il libro intitolato Witchcraft Today. Lo scritto descrive come Gardner, un ex funzionario pubblico, avesse avuto l'opportunità di entrare a far parte, dopo un'iniziazione — in un periodo collocato prima della seconda guerra mondiale — di una congrega segreta praticante una religione che definivano come prosecuzione della stregoneria medievale, a sua volta conservante elementi del Paganesimo antico e della religione preistorica della Dea Madre. Il gruppo dal quale Gerald Gardner sarebbe stato iniziato era stanziato nel sud dell'Inghilterra e viene oggi definito come coven di New Forest (dove New Forest sta ad indicare una regione geografica inglese). Dopo la fine del secondo conflitto mondiale Gardner fondò una nuova coven, la quale praticava e diffondeva una religione che iniziò a definirsi come la Wicca. È ancora materia di controversie l'idea che Gardner fosse davvero entrato a far parte di questo gruppo iniziatico segreto; rimane però una questione minore nello studio del vasto movimento cui la Wicca ha dato origine nel corso degli anni.

[modifica] Origine

Gerald Gardner affermò che la religione da lui fondata è una sopravvivenza delle religioni matriarcali pagane e, risalendo a tempi ancor più antecedenti, del culto della Dea Madre diffuso nell'Europa preistorica, e sostenne gli fosse stata insegnata dalla somma sacerdotessa della coven di New Forest, una donna che utilizzava lo pseudonimo di Vecchia Dorothy. Una delle prime sacerdotesse di Gardner, tale Doreen Valiente, nelle sue ricerche identifica la donna con Dorothy Clutterbuck Fordham, un'ex colona rientrata dall'India, e con Dafo, quella che Gardner definiva la prima sacerdotessa della sua coven. Mentre Valiente opta per questa identificazione, altri studiosi come Philip Heselton teorizzano che Dafo e la Clutterbuck fossero due persone differenti. Altri ancora come Aidan Kelly e Francis King [14], sostengono che Gardner fu l'inventore di queste figure, e che egli stesso scrisse la dottrina e la liturgia della Wicca sincretizzando elementi tratti dalle più disparate tradizioni religiose. Nella religione wiccana sono individuabili influenze riconducibili alle tesi di Margaret Murray, all'opera intitolata Aradia, o il vangelo delle streghe di Charles Godfrey Leland [15], alla religione streghica fortemente legata al testo stesso, e alle pratiche della magia cerimoniale. Mentre è certo che Dorothy Clutterbuck esistette realmente, Ronald Hutton concluse come non ci fosse alcuna prova testimoniante il fatto che la donna fosse stata coinvolta nella formazione della Wicca. Parere discordante è quello di Heselton che, citando evidenze più recenti, sostiene che probabilmente la Clutterbuck ebbe a che fare con la religione wiccana. Anche la storia della vita di Gerald Gardner potrebbe aiutare a comprendere meglio alcuni concetti. Innanzitutto è risaputo che l'uomo visse per quasi tutta l'infanzia e l'adolescenza in Asia, precisamente nel Sudest Asiatico, in Borneo e in Malesia. Rientrato in madrepatria (l'Inghilterra) avrebbe incontrato la Vecchia Dorothy e avrebbe vissuto l'esperienza dell'iniziazione al culto misterico nel 1939. In quel periodo la legislatura inglese proibiva forme di religiosità stregonica, le quali furono rese legali solo nel 1954, quando Gardner iniziò a pubblicizzare la Wicca. Gardner pubblicò proprio quell'anno Witchcraft Today [3] e nel 1960 The Meaning of Witchcraft. Mentre il formato rituale manifesta grosse influenze derivate dall'occultismo vittoriano (e la stessa Doreen Valiente ammette di notare forti legami con la Thelema e le altre filosofie di Aleister Crowley), il comparto spirituale e iconografico della Wicca è largamente ispirato alle religioni pagane, ma presenta anche non minimizzabili influenze buddhiste, induiste e in particolare taoiste, probabilmente derivate dall'influenza che l'Oriente ebbe sulla vita di Gardner.

Gerald Gardner, fondatore della Wicca.
Gerald Gardner, fondatore della Wicca.

Tornando alla liturgia wiccana è facilmente constatabile come i riti e i concetti di Gerald Gardner siano ripresi dalle dottrine di altri occultisti, e non furono di fatto innovativi per l'ambiente del periodo. Roger Dearnaley, in An Annotated Chronology and Bibliography of the Early Gardnerian Craft, descrive la liturgia wiccana come un patchwork. Heselton, in Wiccan Roots e nel successivo Gerald Gardner and the Cauldron of Inspiration, arguisce che Gerald Gardner non fu l'autore dei rituali, ma che addirittura ne avrebbe commissionato la realizzazione da una figura ignota. Doreen Valiente — e così Margot Adler nel suo Drawing Down the Moon — definisce che Gardner probabilmente si ispirò ad altro per lo scheletro del rituale, aggiungendo dettagli estrapolati dalla sua esperienza. Ancora Heselton constata come tutte le influenze riconducibili a Crowley siano individuabili nel libro intitolato Blue Equinox. Non si sa se Gardner possedesse o meno una copia del libro, sebbene è certo che avesse incontrato Crowley negli ultimi anni della vita di questi. Gardner stesso ammette che i rituali insegnatigli dalla Vecchia Dorothy erano frammentari, e per renderli completi dovette aggiungere supplemanti. Alcuni ricercatori quali Isaac Bonewits individuano anche influenze derivate dal Rosacrocianesimo [16], dalla dottrina dell'Ordine Ermetico dell'Alba Dorata e altre religioni esoteriche del Novecento. L'idea della religione preistorica incentrata sulla figura della Dea Madre era inoltre diffusa negli ambienti accademici del periodo di Gardner [17] (tra gli accademici si ricordi Erich Neumann o Margaret Murray) e ambienti amatoriali nei quali spiccò Robert Graves. Accademici degli anni successivi, come Carl Jung e Marija Gimbutas, continuarono le ricerche riguardanti quest'area che sembrò consolidarsi con gli studi ancora successivi di Joseph Campbell, Ashley Montagu, Riane Eisler ed altri.

[modifica] Sviluppi

Per approfondire, vedi la voce Denominazioni wiccane.

La Wicca si è sviluppata in direzioni varie e differenti da quando venne pubblicizzata da Gerald Gardner. Il Gardnerianesimo è la corrente che più rimane fedele alla dottrina originale del fondatore, conservando anche l'aspetto iniziatico e misterico. Il Libro delle Ombre, un testo religioso contenente gli insegnamenti della tradizione gardneriana, fu mantenuto segretamente e scrupolosamente dalle prima coven per poi diffondersi e subire differenti adattamenti in base alle differenti tradizioni che andarono a costituirsi. [18] Direttamente derivata dal Gardnerianesimo è la confessione dello Xandrianesimo fondato da Alex Sanders, che introduce elementi estrapolati dall'Ermetismo alla dottrina originale. Raymond Buckland fu il primo a divulgare la Wicca in America, spostandosi a Long Island. Buckland fu scrupoloso nel mantenersi fedele alla versione del libro delle ombre consegnatagli da Gardner; tuttavia le coven che fondò iniziarono ad adattarlo alle proprie esigenze, creandone di fatto innumerevoli versioni. Da quel momento esplose la frammentazione della Wicca in disparate confessioni [19], alcune ancora legate alla dottrina di Gerald Gardner altre combinanti questa con la Cabala, il Paganesimo celtico (che ha influenzato fortemente l'intero sistema wiccano), la religione nativa americana, l'Ermetismo e la Massoneria (quest'ultimo il caso del Lycianesimo), le religioni orientali (come nel caso dell'Indowicca) e le filosofie dei vari fondatori. Tra le correnti oggi più rilevanti si ricordano la Wicca della Valle Centrale, il Giorgismo, l'Amitistianesimo, la Cristowicca, l'Odisseanesimo, il Correllianesimo, l'Algardismo, l'Avalonismo, l'Aglaianesimo e il Mohsianesimo. Dallo scontro con l'Etenismo e le tradizioni nordiche sono nate la Wica (riprendente il nome originale della religione; fondata da Buckland dopo aver rotto con il Gardnerianesimo), il Nehallenismo e lo Wiccatrù. Altre tradizioni includono il Dianismo, la Witta, la Wicca della Stella Blu e varie altre branche minoritarie. Di influenza fortemente druidista si ricordino la Wicca celtica, il Feismo e il Cymrismo. Coloro che non seguono alcuna delle correnti definite sono detti wiccani eclettici, e tendono a praticare una versione personalizzata e libera della religione e di tutto ciò che comporta. [20][21] Il primo matrimonio ufficialmente riconosciuto dallo Stato e celebrato con rituale wiccano risale al 2004 ed ebbe luogo nel Regno Unito. Nel 2007 il simbolo della Wicca è stato riconosciuto come lecito dal Dipartimento degli Affari dei Veterani degli Stati Uniti, il quale ne ha permesso l'utilizzo sulle placche memoriali dei militari wiccani sepolti nei cimiteri statali. Il riconoscimento è stato possibile solo dopo una controversia di due anni seguita alla morte del soldato wiccano Patrick Stewart. In luglio dello stesso anno la religione è stata riconosciuta ufficialmente in India, con la registrazione della Brigata Wiccana, fondazione umanitaria della sacerdotessa Ipsita Roy Chakraverti. [22]

Rappresentazione dell'unione mistica tra i due principi del cosmo; il Dio e la Dea, base di tutte le cose.
Rappresentazione dell'unione mistica tra i due principi del cosmo; il Dio e la Dea, base di tutte le cose.

[modifica] Dottrina

Per approfondire, vedi la voce Dottrina wiccana.

La Wicca non ha alcuna istituzione centralizzata, e non esiste per questo alcuna ortodossia regnante. Questa situazione ha portato nel corso degli anni all'emersione di numerose branche della religione distaccatesi dalle forme più tradizionali quali il Gardnerianesimo e lo Xandrianesimo (oggi classificati insieme alla Wicca della Valle Centrale sotto il termine ombrella di Wicca britannica tradizionale). Parallelamente a queste scissioni anche il comparto dottrinale della religione — che passa dalla teologia, alla cosmologia, all'etica — ha subito variazioni, interpretazioni e arricchimenti. Proprio l'assenza di una via considerata unica fa sì che i conflitti tra le varie confessioni siano minimi se non nulli. Tendenzialmente tutti i possibili sentieri wiccani mantengono un'impostazione teologica di fondo invariata. Cambia spesso l'aspetto rituale, quello iconografico e, in certi casi, alcune impostazioni teologiche. La Cristowicca si distingue da questa attitudine in quanto dottrinalmente è molto diversa da tutte le altre forme della Wicca. Nucleo della dottrina wiccana è il Libro delle Ombre, testo religioso contenente i precetti fondamentali insegnati da Gerald Gardner. Di versioni del libro ne esistono molte, dato che ogni tradizione tende a revisionarlo, enfatizzarne alcuni contenuti o modificarli totalmente. Il Libro delle Ombre è, nella branca gardneriana e in quella xandriana, ad appannaggio solo degli iniziati, e dunque dei membri delle coven. Il libro ha tuttavia potuto essere divulgato con la comparsa di altre correnti che non mantengono strutture misteriche. Punto caratterizzante della dottrina wiccana, che la distingue da gran parte della altre religioni neopagane, è il forte universalismo.

[modifica] Teologia

Per approfondire, vedi la voce Teologia wiccana.

La teologia wiccana ha una struttura complessa, che tende a mantenersi tale per la maggior parte delle correnti. Il concetto fondante dell'intero sistema teologico wiccano è l'opposizione tra i due principi cosmici rappresentati dal Dio e dalla Dea (il Dio è rappresentato come il Dio cornuto, abbinato al Cernunnos celtico [13]). Per questo motivo molti considerano la Wicca una religione dualistica, ed effettivamente il dualismo è la concezione dominante nelle correnti più legate alla filosofia di Gerald Gardner, vale a dire il Gardnerianesimo e lo Xandrianesimo. Tendenza che è andata a manifestarsi con la comparsa delle nuove tradizioni è quella del monismo, che vede i due principi cosmici del Dio e della Dea come le due forze manifestative di un unico principio universale, ovvero l'Uno [13] o Dryghten, come nominato da Patricia Crowther. [23] La Divinità (intendendo l'Uno) è la sorgente dalla quale viene emanata l'energia primordiale che costituisce tutte le cose che esistono, e che va ad organizzarsi in processi armonici concretizzandosi come materia, ovvero ciò che i cinque sensi umani riescono a percepire, che è un'infinitsimamente piccola parte del tutto, dell'Uno, che è inifinito. Anche le tradizioni dalla visione monistica riconoscono ad ogni modo, al secondo livello della teologia, il fatto che l'Uno dispieghi la propria essenza creativa che dà origine ai cicli del mondo principalmente scindendosi in una polarità di forze, che sono apunto il Dio e la Dea. Il sistema monistico della teologia wiccana è estremamente simile a quello del Taoismo. Il Dio e la Dea sono le forze che permettono la costituzione armonica e l'equlibio del mondo. Ogni cosa è costituita dall'eterno incontro e rapporto di complementarità che sussiste tra le due Divinità. Fondamentalmente il Dio e la Dea sono anche una rappresentazione del dualismo del mondo materiale, per il quale ogni cosa esiste ed ha un proprio contrario, ma soprattutto esiste — ed è definibile — solo perché esiste anche la sua controparte speculare. Il dualismo che sta alla base delle cose del mondo è dunque un fattore intrinseco e fecondo.

I tre aspetti della Dea: la vergine, la madre e la vecchia.
I tre aspetti della Dea: la vergine, la madre e la vecchia.

È fonte di vita, dato che la vita, o comunque il cambiamento, l'evoluzione, il progresso, sono sempre i prodotti dell'incontro (o dello scontro) tra due controparti che si fondono insieme, si confrontano e diventano un unicuum o danno inizio ad un nuovo ordine. Importante nella teologia wiccana è anche il concetto della Dea triplice e del dualismo monistico. La triplicità della Dea consiste nella visione della Divinità femminile come manifesta in tre forme, quella della vergine, quella della madre e quella della vecchia. Le tre forme di manifestazione della Dea hanno significati cosmologici e escatologici. Sono innanzitutto una rappresentazione della ciclicità che caratterizza il cosmo, e sono per questo abbinati alle tre fasi della Luna, la luna crescente, la luna piena e la luna calante, costituenti oltretutto il simbolo principale della Wicca, cioè la Tripla Luna. La ciclicità è applicata alla visione dell'esistenza come procedente in cerchio, come un progressivo ritorno all'origine, alla nascita dalla morte. Ogni cosa attraversa una vita circolare, e la triplicità della Dea è per questo abbinata anche alle tre fasi principali della vita umana: la nascita, la crescita e la morte. Tutti attraversano questi tre eventi fondamentali, ed è in questa circostanza che si innesta la visione escatologica della Wicca. La reincarnazione è una conseguenza della ciclicità del mondo; dopo la morte avrà inizio una nuova vita, così come dopo la luna calante ha sempre inizio un nuovo giro lunare.

Collabora a Wikiquote « \mathfrak{T}utti gli dèi sono un Dio; tutte le dee sono una Dea. »

Il dualismo monistico è conseguente sia alla visione totalmente dualistica sia a quella monistica, dato che si applica alla dualità polare del Dio e della Dea. La frase che megli esprime questo concetto è quella che afferma che tutti gli dèi sono un Dio e tutte le dee sono una Dea. La Wicca, come antecedentemente spiegato, concepisce il Dio e la Dea come le forze primordiali del cosmo. La religione wiccana accetta tuttavia la venerazione di immagini o rappreserntazioni molteplici e varie delle due Divinità, rappresentazioni che sono una ripresa delle antiche divinità del Paganesimo. [20] Come già in alcune religioni pagane del mondo mediterraneo le varie divinità non sono viste dalla Wicca come esseri antropomorfi, ma come essenze senza aspetto di apparenza e senza dimensione fisica. Le divinità minori sono forze attraverso cui si manifestano il Dio e la Dea, o, in certi casi, semplici rappresentazioni che permettono all'uomo di comprendere le due Divinità primordiali. C'è una tendenza trasversale a tutte le tradizioni wiccane, ma che trova un compimento solo nel Dianismo, a considerare la Dea come principale manifestazione del Dryghten, mentre il Dio come manifestazione di supporto alla Dea, suo consorte e, in determinati miti, assumente anche la forma del figlio. [24] Il Dio è dunque la controparte che permette alla fecondità della Dea, che è Dea Madre e Madre Natura del cosmo, di realizzarsi. Come tuttavia è una madre che cresce nel proprio grembo il figlio, così è la Dea che cresce nel proprio infinito grembo l'universo. Nella corrente dianica la figura del Dio si eclissa totalmente, e viene implementato una sorta di panteismo fondato unicamente sulla visione della Dea come il tutto cosmico. Fondamentale nella visione cosmologica della Wicca è l'idea dei cinque elementi. Secondo gli wiccani i cinque elementi sono le regole fondamentali del mondo fisico, attraverso le quali si può giungere al contatto mistico con le due Divinità o con l'Uno. I cinque elementi sono l'acqua, l'aria, il fuoco e la terra. Oltre a questi vi è lo spirito, chiamato anche aether. Lo spirito è considerato come la regola organizzatrice dell'equilibrio del mondo, il teorema base dal quale si dipanano tutti i teoremi minori su cui si regge l'evoluzione ciclica delle cose. Gli elementi sono abbinati alle cinque punte del pentagramma e del simbolo del pentacolo, essendo quest'ultimo una rappresentazione simbolica del cosmo. [25] Il cerchio nel quale è inscritto il pentagramma simboleggia l'infinito e l'eternità. Ad ogni elemento è poi abbinato un guardiano o Torre di Guardia. I guardiani sono considerati gli spiriti patroni degli elementi, e le entità che catalizzano l'energia del cosmo permettendo l'evocazione del Dio e della Dea. La concezione dei guardiani cambia di tradizione in tradizione; ad esempio nella corrente xandriana sono visti come i sephirot cabalistici, mentre nella tradizione cristowiccana sono concepiti come gli arcangeli biblici.

[modifica] Escatologia

Per approfondire, vedi la voce Escatologia wiccana.

L'escatologia wiccana, come precedentemente analizzato, è fondata sul concetto della reincarnazione, derivato dalla visione del mondo ciclica e strettamente legato al concetto della Dea triplice. Le tre forme di manifestazione della Dea sono considerate rappresentazioni allegoriche delle tre fasi della vita, ovvero la nascita, la crescita e la morte. La concezione ciclica dell'esistenza porta ad un annullamento del concetto di morte, la quale per gli wiccani non esiste, essendo un semplice pasaggio ad un'altra vita, o, per alcune confezzioni della religione come l'Amitistianesimo, ad uno stadio di esistenza più elevata, eterea, che culmina con la fusione e identificazione mistica con il tutto. Nelle principali tradizioni wiccane l'unione con l'essenza finale del Dryghten è possibile soltanto attraverso la liberazione dai debiti del karma, liberazione che è possibile mediante il rispetto della regola del rede e dell'etica wiccana. Una volta purificata, l'essenza dell'essere umano può tornare a far parte dell'energia cosmica che sta al dilà dello spazio e del tempo. La ciclicità di tutte le cose è espressa anche dal concetto e dalla mitologia che gira intorno alla Ruota dell'Anno.

Altare wiccano allestito in occasione di Mabon. Sul piano sono riposte le offerte rituali.
Altare wiccano allestito in occasione di Mabon. Sul piano sono riposte le offerte rituali.

Si tratta di un concetto molto simile a quello dell'Illuminazione taoista o di altre religioni orientali. In alcune circostanze questo status di unione con il Dryghten è rappresentato in forma di metafora attraverso l'idea della Terra dell'Estate, la quale non corrisponderebbe appunto ad un reale mondo dell'aldilà, ma ad una simbologia dello stato di coscienza eterea. La reincarnazione è ad ogni modo la versione dell'escatologia wiccana più diffusa e che più si raccorda con la visione ciclica del mondo, la Dea triplice e il legato concetto della Tripla Luna.

[modifica] Etica

Per approfondire, vedi la voce Etica wiccana.
Collabora a Wikiquote « \mathfrak{F}ai ciò che vuoi purché tu non faccia del male a nessuno. »

L'etica wiccana è fortemente basata sul Rede (termine ripreso dalla lingua germanica e significante letteralmente "consiglio" o "proverbio"), la cui regola principale è quella del fare ciò che si vuole senza fare del male a nessuno. Questa regola è nella maggior parte dei casi intepretata come un'esortazione al fare ciò che più renda felici se stessi senza urtare gli altri, ovvero mantenendo la propria espressività in certi limiti dettati dalla semplice idea del non fare male. La massima del Rede non è dunque un esortazione all'anarchia, ma al contrario è una regola universalitica che assume un ruolo portante e fondamentale in qualsiasi contesto culturale e sociopsicologico la si inserisca. Il non fare del male implica infatti un rispetto dell'altro, rispetto dell'altro che si trasforma in un limite totalmente naturale per le proprie azioni. [26] Ciò che enfatizza il Rede è dunque anche la naturalezza e la spontaneità che deve caratterizzare l'essere umano che vuole costruire una società basata sull'armonia della natura. Altro elemento fondante dell'etica wiccana è la Legge del Tre, la quale si basa sull'idea del ritorno triplicato delle conseguenze di qualsiasi azione si compia. [27] La Legge del Tre è un'esortazione al bene; la metafora del ritorno triplicato corrisponde all'idea secondo cui seminare il bene possa produrre altro bene, mentre seminare il male non farà altro che produrre altro male. Tale precetto compare in una delle pubblicazioni di Gerald Gardner e non se ne fa menzione in altre tradizioni esoteriche. Si pensa che per elaborarlo, Gardner si sia ispirato alla Regola Dorata e al concetto del karma delle religioni orientali. Parecchi wiccani coltivano anche i valori propagati dal Carico della Dea di Doreen Valiente, nel quale sono riportate virtù quali la reverenza, l'amore, l'umiltà la forza d'animo e la compassione. [28] Nel poema della Valiente questi valori sono appaiati in copie speculari, a rimandare al dualismo della teologia wiccana, ovvero al concetto dell'opposizione complementare del Dio e della Dea. Alcune tradizioni adottano infine il sistema delle Ardane o Leggi Wiccane, scritte dallo stesso Gerald Gardner. Si tratta di una serie di centosessantuno precetti che non sono universalmente riconosciuti nella Wicca a causa della loro origine controversa. Sarebbero stati infatti scritti da Gardner nel periodo della divisione della sua coven da quella di Doreen Valiente. [17][29] Di grande importanza è infine la questione dell'ambientalismo, considerato da molte branche della religione e da molte coven un elemento insegnabile quale dottrina etica. I gruppi wiccani — come quelli neopagani in generale — pongono molta enfasi sulla visione della natura come sacra in quanto l'universo emanazione e dispiegazione del divino e in quanto la natura stessa, nella sua fecondità, identificabile con la Dea. Rispettare la natura significa dunque, per gli wiccani, rispettare la madre dell'universo, la fecondità e la fertilità della Terra, che è divina in quanto parte dell'esistenza infinita.

[modifica] Liturgia

Per approfondire, vedi la voce Liturgia wiccana.

La liturgia wiccana si è andata, nel corso del tempo, a sistematizzare progressivamente tanto che oggi è strutturata in modo abbastanza ben definito. Comprende vari tipi di rituali, i quali possono essere anche personalizzati in base alla tradizione nella quale se ne fa uso, piuttosto che in base alle preferenze delle coven o di ogni piccolo gruppo. La liturgia classica comprende il rito di evocazione dei guardiani dei cinque elementi e dei punti cardinali, la cui essenza è considerata in grado di catalizzare il fluire dell'energia universale delle Divinità; il Piccolo Rito e il Grande Rito, oltre che una serie di rituali minori, dedicati spesso alle specifiche divinità.

Un altare wiccano.
Un altare wiccano.

I rituali si svolgono all'interno di un cerchio disegnato o inciso a terra, simbolo dell'eternità e dell'infinitezza dell'esistenza. Il cerchio può essere tracciato sia all'interno di un tempio sia nell'area di un covenstead, sebbene questi stiano progressivamente lasciando spazio ai templi. All'interno del cerchio si svolgono i rituali e si raduna il gruppo comunitario. Nell'area delimitata si trova nella maggior parte dei casi un altare sul quale i sacerdoti svolgono il Piccolo Rito e i rituali minori. Le funzioni liturgiche possono prendere atto in qualsiasi momento, ma le occasioni più importanti sono quelle in cui cadono ricorrenze significative quali i Sabbat e gli Esbat, o eventi eccezionali quali matrimoni o wiccanazioni.

[modifica] Caratteristiche

Prima dell'accesso al cerchio possono essere richiesti dei rituali di abluzione che, nelle coven più iniziatiche, sono spesso dei veri e propri lavaggi dell'intero corpo. Caratteristica fondamentale del rito nel Gardnerianesimo è lo skyclad, ovvero la pratica involvente la nudità. Oltre che nella tradizione gardneriana questa usanza viene mantenuta anche dalle coven più vicine agli scritti di Gerald Gardner e dagli xandriani, anche se solo in determinate circostanze. Sembra che la pratica dello skyclad sia una derivazione estrapolata dalla tradizione dell'Aradia. Le correnti meno inclini all'attitudine misterica limitano lo skyclad a situazioni particolari o lo abbandonano totalmente; in questi casi i fedeli possono, durante i riti, vestire come preferiscono. Nella maggior parte delle situazioni i rituali vengono svolti mediante l'utilizzo di oggetti liturgici quali l'incensiere, il calice e le lame (un athame e un boline), una verga e un flagello, delle campane, un aspersorio, una corda e altri elementi come candele e icone sacre, le quali possono essere specchi o simulacri delle divinità più legate alla tradizione o alla persona. Per la celebrazione dei riti i sacerdoti usano spesso il Libro delle Ombre, dal quale traggono le formule liturgiche. Cristalli possono trovare uso per l'evocazione dei guardiani elementali, abbinandone uno per ogni punta del pentacolo rituale. Quest'ultimo oggetto è solitamente in legno o metallo e viene usato come simbolo dell'universo. Le cinque punte del pentagramma sono infatti ciascuna associata ad un elemento e ad suo guardiano. La raffigurazione delle divinità è libera, in quanto il dualismo monistico involve una visione di tutti gli dèi come emanazione o rappresentazione simbolica dei due poli divini del Dio e della Dea. Come precedentemente affermato, è comune l'utilizzo di specchi in alternativa alle tradizionali rappresentazioni iconografiche. Gli specchi sono infatti considerati esprimere il concetto teologico del panteismo, ovvero della ricerca del divino nel mondo e in se stessi. Ogni cosa riflessa dagli oggetti è considerata espressione e manifestazione della divinità, e quindi essa stessa identificabile con la divinità ed essa stessa divina.

[modifica] Rituali

Il sistema liturgico della religione wiccana comprende la presenza di innumerevoli rituali minori e di due riti fondamentali, ovvero il Piccolo Rito e il Grande Rito, legati tra loro da un medesimo significato ma divisi da una differente metodologia di applicazione. Il Piccolo Rito è sostanzialmente la versione più frequente e più simbolica; viene infatti praticato in ogni celebrazione liturgica dai sacerdoti. Questi sono solitamente un uomo e una donna ma non mancano situazioni in cui i sacerdoti siano dello stesso sesso. Il piccolo rito coinvolge l'utilizzo in particolare di due degli oggetti liturgici wiccani, ovvero l'athame e il calice. Questi due utensili, la lama e il calice, sono importanti in quanto costituenti l'allegoria degli organi genitali degli esseri umani. La Wicca è una religione della fertilità, celebrante la fecondità e la nascita della vita; proprio per questo l'attività sessuale è considerata sacra, poiché riproducente quello che è il mistero dell'unione e completamento cosmico e vicendevole del Dio e della Dea. Nell'occasione di ogni Piccolo Rito i sacerdoti simulano, mediante l'utilizzo degli oggetti, un rapporto sessuale di penetrazione. Il pugnale, simbolo del fallo, viene immerso nella coppa, spesso riempita con del vino e rappresentante la vulva. Il Grande Rito ha lo stesso significato simbolico del Piccolo Rito, ma questo viene espresso in modo più concreto mediante la ierogamia. Si tratta di un vero e proprio rapporto sessuale completo tra i celebranti, che possono essere sia i sacerdoti sia i fedeli nella propria intimità. Il Grande Rito viene celebrato con frequenza nel Gardnerianesimo, mentre solo in occasioni particolari — quali le festività di Beltane e Samhain — secondo la dottrina della maggioranza delle altre tradizioni. L'importanza della pratica è fortemente enfatizzata, in quanto rappresentazione effettiva dell'unione divina tra l'uomo e la donna, unione che è contemporaneamente e progressivamente fisica, chimica, psicologica e astrale, riproducente l'amore eterno che scaturisce dalle due Divinità, ovvero il loro perenne unirsi e scontrarsi che dà inizio alla manifestazione dell'esistenza.

Processione tenuta da sacerdoti wiccani nel deserto del Nevada.
Processione tenuta da sacerdoti wiccani nel deserto del Nevada.

I metodi di riproduzione del Grande Rito variano di tradizione in tradizione ma anche di gruppo in gruppo. C'è chi — consideratane l'importanza — preferisce che lo si metta in pratica pubblicamente e anche tra le comunità. Altre coven preferiscono limitarlo invece alla sfera privata sia per le coppie sacerdotali sia per le comunità dei fedeli. Tra i riti di minore importanza si possono trovare il Disegno della Luna, il Bacio Quintuplice e il Pasto del Silenzio. Liturgie particolari sono invece quelle legate ai matrimoni, nei quali i sacerdoti uniscono gli sposi attraverso il rito del legame delle mani o handfasting, o quelle correlate alla wiccanazione, vale a dire la pratica di accogliere un nuovo nato nella comunità, benedendolo e conferendogli un nome wiccano.

[modifica] Organizzazione

L'organizzazione interna all'intero fenomeno wiccano è scindibile in due tipologie, ovvero quella adottata dai rami confessionali che conservano un'impostazione misterica e iniziatica e quella emersa per tutte le altre branche, le quali oggi superano grandemente nel numero le tradizioni di lignaggio gardneriano (che sono appunto quelle più sotterranee, tra cui spiccano lo Xandrianesimo e la Wica). Tradizionalmente il sistema di organizzazione delle comunità wiccane è la coven, ovvero una serie di membri (solitamente una dozzina) che si istituiscono come gruppo cultuale. Le coven non godono di alcun privilegio legale, e sono pertanto associazioni non riconosciute, o almeno questo avviene per la maggior parte dei casi. Il sistema delle coven ha portato alla formazione di una rete di luoghi di culto casalinghi, solitamente ricavati in stanze delle abitazioni dei fedeli. Il desiderio di emersione e di un riconoscimento ufficiale da parte delle autorità di Stato ha portato, in particolare negli ultimi anni, ad un'evoluzione nel campo della struttura territoriale e amministrativa della Wicca, con l'istituzione di organizzazioni nazionali o limitate a certe aree che potessero essere riconosciute come vere e proprie Chiese e dunque legalizzate. Le Chiese wiccane sono oggi molto diffuse in particolare nell'America settentrionale, e il loro ruolo è quello di organizzare al meglio le attività legate alla religione wiccana su determinati territori, o sistematizzare le attività di una determinata quantità di coven. Le Chiese nascono solitamente con l'unione di più coven in un'unica istituzione, o emergono come associazioni ombrella sotto le quali progressivamente si uniscono coven che desiderano godere dei privilegi di una legalizzazione statale. Il passaggio dalla coven alla Chiesa ha comportato anche un progresso in quello che è l'ambito della formazione di un clero organizzato e di una rete di templi wiccani. Le Chiese wiccane contemporanee possono essere facilmente distinte in due categorie, ovvero quelle denominazionali e quelle non denominazionali. Le Chiese denominazionali sono quelle istituzioni che promuovono una sola delle tante denominazioni wiccane; al contrario le Chiese non denominazionali sono quelle che non si rifanno ad alcuna specifica tradizione ma promuovono e organizzano l'intero fenomeno wiccano. Di questa seconda tipologia sono ad esempio la Congregazione della Dea o la Chiesa wiccana unita, importante istituzione internazionale attiva anche nella formazione e la sistematizzazione di un sacerdozio unificato attraverso l'Associazione Clero Wiccano e il relativo Seminario Teologico WCA. Con il sistema covenale, non centralizzato e dislocato, non esisteva un clero comune, ma ogni piccolo gruppo veniva — e viene, dato che la struttura delle coven non si è totalmente spenta ma rimane centrale nella Wicca britannica tradizionale e in quella eclettica — portato avanti da un gruppo di sacerdoti eletti dai membri del gruppo cultuale stesso. Ogni coven wiccana aveva dunque il proprio piccolo clero, il quale operava in specifico per la comunità di cui faceva parte e dalla quale era scelto. Classicamente i sacerdoti delle coven sono un alto sacerdote e un'alta sacerdotessa, e salgono in carica con il raggiungimento del terzo livello di iniziazione. Il sistema iniziatico delle correnti più vicine all'ortodossia di Gerald Gardner — che sono in fin dei conti le branche che conservano la struttura covenale — prevede infatti tre livelli di progresso. Il primo livello è il semplice ingresso nel gruppo e prevede la partecipazione alle funzioni liturgiche.

Sala interna di un tempio wiccano.
Sala interna di un tempio wiccano.

Il secondo livello e il terzo permettono invece di divenire autorità sacerdotali e fondare nuove coven. [21] Con il passaggio al sistema ecclesiastico si è andata ad affermare l'idea di un clero comune, organizzato dalla Chiesa stessa e disponibile per le attività di qualsiasi gruppo. Le coven perdono in questo modo di autonomia organizzativa, devolvendo tutti gli incarichi di questo tipo alla Chiesa madre, ma possono godere di varie tipologie di benefici e concentrarsi maggiormente sulle questioni spirituale e sull'insegnamento. Anche il concetto dei luoghi di culto ha subito recentemente un progresso, passando dalle case di preghiera, segrete e chiuse, all'idea di veri e propri templi. Un livello intermedio tra la casa di culto e il tempio è il covenstead, che di fatto non è né un'abitazione privata né un edificio templare, ma è un'area naturale dedicata alla celebrazione delle funzioni religiose. I covenstead possono essere ricavati in spazi aperti, caverne o boschi.

[modifica] Prodotti culturali

La religione wiccana ha subito, dal 1990 al 1999, anno al quale risale l'ultima statistica ufficiale sebbene non scientifica, una crescita e una diffusione impressionante. Le prime statistiche in assoluto risalgono al 1972 quando John Godwin nel suo Occult America stimava la presenza di 20.000 membri organizzati nel settentrione. Nel 1980 Gordon Melton dell'Istituto per lo Studio sulle Religioni Americane (Institute for Study of American Religion) speculò un tra un 30.000 e 40.000 appartenenti alla comunità wiccana. [30] Questa stima fu costruita in base a dati collezionati in occasione di un festival pagano del 1979. Nell'Ottantasei Margot Adler, autrice di Drawing Down the Moon fissava tra i 50.000 e i 100.000 pagani negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali aderenti alla Wicca. [20] Tra il 1990 e il 1992 con la crescita dell'interesse accademico per la religione wiccana, le stile si impostarono su cifre tra i 50.000 e i 113.000 membri. Questi dati sono supportati da fonti quali Religious Requirements and Practices of Certain Selected Groups: A Handbook for Chaplains, scritto dalla United States Army per istruire i cappellani cristiani dei militari sul come gestire i rapporti con soldati aderenti ad altre religioni; dalle ricerche di Craig Hawkins e dal censimento ufficiale del Canada. [31] Eric Raymond, autore di Frequently Asked Questions about Neopaganism avallava la cifra dei 200.000 wiccani e definiva il movimento come in esplosione. [32] Nel 1996 Vernieda Vergara stimava un numero di 360.000 wiccani [33], ma fu nel 1999 che si registrarono le statistiche più ottimistiche anche se spesso fantasiose. Loren Wilkinson, scrivendo un articolo per Christianity Today, definiva il Neopaganesimo e in particolare la Wicca come la forma di religiosità più velocemente in crescita negli Stati Uniti. [34] Lo stesso anno Catherine Edwards stimava la presenza di 3 o 5 milioni di wiccani in America settentrionale [8], mentre Witches' Voice — uno dei più popolari siti web wiccani — smorzava la cifra riducendola a un raggio variante tra l'1 e i 3 milioni. Il numero in assoluto più elevato venne azzardato da Phyllis Curott nel suo Book of Shadows, e corrispondeva a un 10 milioni. [8] Statistiche così elevate erano probabilmente esageratamente entusiastiche, e la quantità di aderenti alla Wicca nel Novantanove si aggirava con probabilità intorno all'1 milione di aderenti, come ipotizzato da Witches' Voice e come confermato da un sondaggio condotto nel 2000 dalla Congregazione della Dea. [35] Il numero odierno degli wiccani si pensa possa essere contenuto tra un 3 e un 5 milioni di fedeli. Da notare è inoltre la capacità di diffusione della stessa religione wiccana, spintasi sino in Africa o in India, all'insegna di un universalismo spesso sfavorito dai rami più vicini al Gardnerianesimo. L'universalismo wiccano non è esclusivistico in quanto la Wicca non si considera l'unica vera religione, ma una delle tante vie attraverso cui approcciarsi al divino; consiste piuttosto in un'apertura alle conversioni, apertura accompagnata a un generale rifiuto dell'attitudine proselitica.

[modifica] Effetti

Questa rapida diffusione del movimento wiccano ha avuto un forte impatto sull'ambiente religioso negli ultimi decenni. Innanzitutto va analizzato il grande contributo che la religione wiccana ha esercitato nell'emersione dell'intero fenomeno del Neopaganesimo. La Wicca è infatti antecedente a quasi tutte le religioni neopagane, essendo comparsa negli anni 1950, e va dunque considerata il pioniere che ha dato il via o comunque alimentato l'attività del fenomeno neopagano. Non è difficile riscontrare contaminazioni o interi complessi religiosi neopagani ispirati alla dottrina wiccana. L'esempio principale è il Druidismo, ma caratteristiche rimandanti alla Wicca sono riscontrabili anche nelle religioni del movimento eteno, nel Dodecateismo e nel Kemetismo. Affermare che la Wicca abbia posto le basi per l'emersione del Neopaganesimo è di certo azzardato, in quanto il Celtismo e l'Etenismo affondano le proprie radici a prima degli anni Cinquanta, e in quanto in generale il fenomeno del ricostruzionismo pagano ha avuto una storia relativamente distaccata rispetto a quella della tendenza eclettica, di cui la Wicca è la religione più influente. Ciò che comunque è certo è il fatto che la religione wiccana — anche in quanto la più diffusa — abbia avuto e continui ad avere un'autorità dominante sull'intera struttura del Neopaganesimo. La stessa Wicca adotta a piene mani tendenze culturali tipiche di tutte le religioni neopagane, come per esempio il tecnopaganesimo e l'ecopaganesimo, entrambi perfettamente compatibili con la religiosità wiccana.

Sacerdoti intenti in un rituale di offertorio.
Sacerdoti intenti in un rituale di offertorio.

Anche la cultura popolare americana, nonché letteraria e televisiva, ha sperimentato il diffondersi degli ideali wiccani. Esempi di opere ispirate alla Wicca sono gli scritti di Cate Tiernan, il film The Craft del 1996, piuttosto che le serie televisive di Buffy l'ammazzavampiri, Angel e in particolare Streghe, nel quale compaiono numerosi riferimenti alla Wicca tra cui il Libro delle Ombre. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, gli elementi ispirati alla Wicca sono decontestualizzati e banalizzati.

[modifica] Persecuzione

Per approfondire, vedi la voce Persecuzione degli wiccani.

In accordo con la storia tradizionale della Wicca trasmessa da Gerald Gardner molti aderenti considerano la stregoneria medievale come un sistema religioso ancestore della religione wiccana moderna. Gli wiccani di oggi tendono dunque a vedere il movimento della caccia alle streghe — che chiamano con connotazioni cronologiche il Tempo del Fuoco, richiamando quindi la pratica delle condanne al rogo — voluta dalle Chiese cristiane come una effettiva persecuzione religiosa contro i propri predecessori, ovvero coloro che praticavano i culti sotterranei delle divinità antiche e venivano bollati dai cristiani come streghe e stregoni. [36] In epoca contemporanea la Wicca è spesso stata associata erroneamente o volontariamente — con intento di scredito — al Satanismo e in particolare in connessione con l'isteria popolare sull'abuso rituale satanista. A causa anche delle connotazioni negative ancora diffuse tra la popolazione riguardanti la stregoneria antica, gli wiccani si trovano spesso in situazioni di disagio e discriminazione che li portano a praticare la propria religione in segreto e in privato. Nel 1985 con l'emanazione della legge giurisprudenziale intitolata Dettmer v. Landon, la Corte Distrettuale della Virginia riconobbe la Wicca come religione e le sue associazioni come soggette a tutti i tipi di privilegi riservati alle organizzazioni religiose. La legge fu avallata un anno dopo dal giudice John Butzner della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Quarto Circuito. Nonostante questi primi riconoscimenti la Wicca ha continuò ad essere soggetto di marginalizzazioni e penalizzazioni. Nello stesso 1985 alcuni legislatori conservatori introdussero delle leggi volte ad annullare i privilegi concessi agli wiccani, leggi che non ebbero successo e furono soppresse con il Novantanovesimo Congresso degli Stati Uniti tenutosi nel dicembre del 1986. [37] Nel 1999 un gruppo di cristiani conservatori fu istituito su iniziativa di Bob Barr in risposta al crescente fenomeno degli incontri per celebrare riti wiccani nelle basi militari. Il gruppo invitò i cittadini americani a una revisione dei diritti di libertà religiosa alla luce della morale cristiana. Barr sosteneva che il Neopaganesimo fosse un prodotto di eccessiva libertà e che per sopprimerlo bisognasse irrigidire e limitare tale concetto. [38] Episodi di discriminazione si sono verificati anche in senso più specifico. parecchie persone hanno perso il proprio posto di lavoro per essersi convertite alla Wicca; da insegnanti a sacerdoti del Corpo dei Cappellani della United States Army, tra cui Don Larsen, dimesso dal suo incarico tra gli eserciti stanziati in Iraq dopo avere convertito la sua affiliazione religiosa divenendo wiccano e abbandonando il Pentecostalismo. Don Larsen è solo uno dei tanti preti ex cristiani che scelgono di convertirsi al Neopaganesimo. [39] Altro esempio di situazione legata all'accettazione della religione wiccana e del suo emergere sulla scena statunitense e internazionale è il caso del soldato Patrick Stewart, morto in Iraq nel 2005. Stewart era wiccano e la sua scomparsa diede inizio ad un susseguirsi di controversie riguardanti l'applicazione del simbolo del pentacolo alla placca commemorativa lui dedicata in un cimitero statale del Nevada. Nel 2005 il Dipartimento degli Affari dei Veterani degli Stati Uniti ancora non includeva il simbolo della Wicca nel catalogo degli emblemi religiosi legalizzati e utilizzabili per esprimere e rendere memoria della fede dei militari morti. Dopo circa due anni di pressioni da parte della moglie e delle comunità wiccane e neopagane nevadesi, nell'aprile del 2007 una serie di leggi contro l'opinione del Dipartimento degli Affari dei Veterani ufficializzò la possibilità di installare il simbolo sulle placche, e permise il riconoscimento della Wicca come religione riconosciuta dal catalogo. [40]

[modifica] Note

  1. ^ Spesso anche Wiccanesimo.
  2. ^ In italiano la pronuncia preponderante è [wikka], con la W vocalica che richiede l'articolo gli per l'aggettivo plurale wiccani e il per l'aggettivo singolare wiccano. Non mancano episodi in cui compare la promuncia [vikka]; in tali casi l'aggettivo plurale — assumendo il suono di [vikkani] — prende l'articolo i, mentre il singolare mantiene l'il. L'articolo indeterminativo per il singolare maschile è in entrambi i casi un. L'articolo indeterminativo per il plurale maschile è invece gli nel caso di [wikkani] e i nel caso di [vikkani].
  3. ^ 3,0 3,1 Gerald Gardner. Witchcraft Today. Citadel Press, 2004. ISBN 0806525932
  4. ^ Philip Heselton. Wiccan Roots: Gerald Gardner and the Modern Witchcraft Revival. Capall Bann Publishing, 2001. ISBN 1861631103
  5. ^ Witches' Voice - South Africa: adult run groups and organizations
  6. ^ Wicca, India and Infanticide. The Wild Hunt.
  7. ^ Kumkum Bhandari. Ipsita Roy Chakraverti is a Leading Wiccan Exponent in India. Life Positive.
  8. ^ 8,0 8,1 8,2 Phyllis Curott. Book of Shadows: A Modern Woman's Journey into the Wisdom of Witchcraft and the Magic of the Goddess. Broadway, 1999. ISBN 0767900553
  9. ^ [1]
  10. ^ Rosemarie Lühr. Expressivität und Lautgesetz im Germanischen. 1988. ISBN 3533038637
  11. ^ Oxford English Dictionary. Lemma witch.
  12. ^ The American Heritage Dictionary of the English Language. Lemma witch e lemma *weg-.
  13. ^ 13,0 13,1 13,2 Gerald Gardner. The Meaning of Witchcraft. Red Wheel, 2004. ISBN 1578633095
  14. ^ Aidan Kelly. Crafting the Art of Magic, Book I: A History of Modern Witchcraft. Llewellyn Publications, 1991. ISBN 0875423701
  15. ^ Charles Godfrey Leland. Aradia, or the Gospel of the Witches. Kessinger Publishing, 2004. ISBN 1419107372
  16. ^ Isaac Bonewits. A Very Brief History of Witchcraft. Spiritualitea.
  17. ^ 17,0 17,1 Ronald Hutton. Triumph of the Moon. Oxford Paperbacks, 1995. ISBN 0192854496
  18. ^ Hans Holzer. The New Pagans. 1973.
  19. ^ Different Types of Witchcraft. Hex Archive.
  20. ^ 20,0 20,1 20,2 Margot Adler. Drawing Down the Moon. Penguin, 2006. ISBN 0143038192
  21. ^ 21,0 21,1 British Traditional Wicca frequently asked questions. Wiccan Church International.
  22. ^ Bappa Majumdar. India turns to Wiccan queen to save girls. Reuters.
  23. ^ Patricia Crowther. Witch blood! The diary of a witch high priestess!. House of Collectibles, 1974. ISBN 0876371616
  24. ^ Janet Farrar, Stewart Farrar. A Witches' Bible. Robert Hale Ltd, 2002. ISBN 0709072279
  25. ^ Doreen Valiente. An ABC of Witchcraft Past and Present. Robert Hale Ltd, 1994. ISBN 0709053509
  26. ^ Judy Harrow. Exegesis on the Rede. Harvest.
  27. ^ Gerald Gardner. High Magic's Aid. Godolphin House, 1996. ISBN 0963065785
  28. ^ Janet Farrar, Stewart Farrar. Eight Sabbats for Witches. Phoenix Publishing, 1988. ISBN 0919345263
  29. ^ Doreen Valiente. The Rebirth of Witchcraft. Robert Hale Ltd, 2007. ISBN 0709083696
  30. ^ Gordon Melton. Neopaganism: Report on the Survey of an Alternative Religion. Institute for Study of American Religion, 1980.
  31. ^ Jason Frenkel. Witches Win Converts. Herald Sun, 2002.
  32. ^ Eric Raymond. Frequently Asked Questions about Neopaganism.
  33. ^ James Lewis. Magical Religion and Modern Witchcraft. State University of New York Press, 1996. ISBN 0791428907
  34. ^ Loren Wilkinson. America's Moral Crisis. Christian Broadcasting Network.
  35. ^ Witches Count!. Covenant of the Goddess, 2000.
  36. ^ Raymond Buckland. Witchcraft From The Inside: Origins of the Fastest Growing Religious Movement in America. Llewellyn Publications, 2002. ISBN 1567181015
  37. ^ Margot Adler. Witches, Pagans and the Media. Beliefnet.
  38. ^ William Brown. Season of the Witch: Something Wicca this Way Comes. Leadership University, 1999.
  39. ^ Alan Cooperman. For Gods and Country. Washington Post, 2007.
  40. ^ Scott Bauer. Wiccan Grave Markers to be Dedicated. Denver Post, 2007.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Bibliografia

  • Aidan Kelly. Crafting the Art of Magic, Book I: A History of Modern Witchcraft. Llewellyn Publications, 1991. ISBN 0875423701
  • Ann Moura. Green Witchcraft: Balancing Light and Shadow. Llewellyn Publications, 1999. ISBN 1567186890
  • Ann Moura. Green Witchcraft: Folk Magic, Fairy Lore and Herb Craft. Llewellyn Publications, 1996. ISBN 1567186904
  • Anne Carson. Goddesses and Wise Women: Literature of Feminine Spirituality. Crossing Press, 1994. ISBN 0895945355
  • Arin Murphy-Hiscock. Solitary Wicca for Life: A Complete Guide to Mastering the Craft on Your Own. Adams Media Corporation, 2005. ISBN 1593373538
  • Athena Gardner. The Alexandrian and Gardnerian Book of Shadows. iUniverse.com, 2000. ISBN 0595128459
  • Ashleen O'Gaea. Raising Witches: Teaching the Wiccan Faith to Children. New Page Books, 2002. ISBN 1564146316
  • Beth Rae. Hedge Witch: Guide to Solitary Witchcraft. Robert Hale Ltd, 1992. ISBN 0709048513
  • Beth Rae. Lamp of the Goddess. Robert Hale Ltd, 2001. ISBN 0709068840
  • Beth Rae. The Hedge Witch's Way: Magical Spirituality for the Lone Spellcaster. Robert Hale Ltd, 2003. ISBN 0709073836
  • Beth Rae. The Wiccan Way: Magical Spirituality for the Solitary Pagan. Phoenix Publishing, 2002. ISBN 0919345956
  • Christopher Penczak. Sons of the Goddess: A Young Man's Guide to Wicca. Llewellyn Publications, 2005. ISBN 0738705470
  • Doreen Valiente. An ABC of Witchcraft Past and Present. Robert Hale Ltd, 1994. ISBN 0709053509
  • Doreen Valiente. Charge of the Goddess: The Mother of Modern Witchcraft. Hexagon Publications, 2000. ISBN 0953920402
  • Doreen Valiente. Natural Magic. Robert Hale Ltd, 1999. ISBN 0709064500
  • Doreen Valiente. The Rebirth of Witchcraft. Robert Hale Ltd, 2007. ISBN 0709083696
  • Doreen Valiente. Witchcraft for Tomorrow. Robert Hale Ltd, 1993. ISBN 0709052448
  • Ellen Cannon Reed. The Heart of Wicca: Wise Words from a Crone on the Path. Weiser Books, 2000. ISBN 1578631742
  • Evan John Jones, Doreen Valiente. Witchcraft: A Tradition Renewed. Robert Hale Ltd, 1990. ISBN 070904139X
  • Frederic Lamond. Fifty Years Of Wicca. Green Magic, 2005. ISBN 0954723015
  • Gerald Gardner. High Magic's Aid. Godolphin House, 1996. ISBN 0963065785
  • Gerald Gardner. The Meaning of Witchcraft. Red Wheel, 2004. ISBN 1578633095
  • Gerald Gardner. Witchcraft Today. Citadel Press, 2004. ISBN 0806525932
  • James Lewis. Magical Religion and Modern Witchcraft. State University of New York Press, 1996. ISBN 0791428907
  • Janet Farrar, Stewart Farrar. A Witches' Bible. Robert Hale Ltd, 2002. ISBN 0709072279
  • Janet Farrar, Stewart Farrar. Eight Sabbats for Witches. Phoenix Publishing, 1988. ISBN 0919345263
  • Janet Farrar, Stewart Farrar. The Witches' God: Lord of the Dance. Robert Hale Ltd, 1995. ISBN 0709056508
  • Janet Farrar, Stewart Farrar. The Witches' Goddess: The Feminine Principle of Divinity. Robert Hale Ltd, 1999. ISBN 0709058446
  • Kate West. The Real Witches' Craft: Magical Techniques and Guidance for a Full Year of Practising the Craft. Harper Element, 2005. ISBN 000719417X
  • Kate West. The Real Witches' Handbook. HarperCollins Publishers Ltd, 2001. ISBN 0007105150
  • Margaret Murray. The God of the Witches. Nuvision Publications, 2005. ISBN 1595479813
  • Margot Adler. Drawing Down the Moon. Penguin, 2006. ISBN 0143038192
  • Marian Green. A Witch Alone: Thirteen Moons to Master Natural Magic. HarperCollins Publishers Ltd, 2002. ISBN 0007133235
  • Marian Singer. The Only Wiccan Spell Book You'll Ever Need: For Love, Happiness and Prosperity. Adams Media Corporation, 2004. ISBN 1593370962
  • Mark Ventimiglia. The Wiccan Prayer Book: Daily Meditations, Inspirations, Rituals and Incantations. Citadel Press, 2006. ISBN 0806527196
  • Mark Ventimiglia. The Wiccan Rede: Couplets of the Law, Teachings and Enchantments. Citadel Press, 2003. ISBN 0806525177
  • Paul Huson. Mastering Witchcraft: A Practical Guide for Witches, Warlocks, and Covens. iUniverse.com, 2006. ISBN 0595420060
  • Philip Heselton. Wiccan Roots: Gerald Gardner and the Modern Witchcraft Revival. Capall Bann Publishing, 2001. ISBN 1861631103
  • Raymond Buckland. Complete Book of Witchcraft. Llewellyn Publications, 1986. ISBN 0875420508
  • Raymond Buckland. Practical Candle Burning: Spells and Rituals for Every Purpose. Llewellyn Publications, 2005. ISBN 0875420486
  • Raymond Buckland. The Witch Book: The Encyclopedia of Witchcraft, Wicca, and Neopaganism. Visible Ink Press, 2002. ISBN 1578591147
  • Raymond Buckland. Wicca for One: The Path of Solitary Witchcraft. Citadel Press, 2004. ISBN 0806525541
  • Raymond Buckland. Witchcraft From The Inside: Origins of the Fastest Growing Religious Movement in America. Llewellyn Publications, 2002. ISBN 1567181015
  • Ronald Hutton. Triumph of the Moon. Oxford Paperbacks, 1995. ISBN 0192854496
  • Sally Morningstar. The Art of Wiccan Healing. Hay House Inc, 2005. ISBN 1401905552
  • Scott Cunningham. Living Wicca. Llewellyn Publications, 1993. ISBN 0875421849
  • Scott Cunningham. Wicca: A Guide for the Solitary Practitioner. Llewellyn Publications, 1988. ISBN 0875421180
  • Sheena Morgan. The Wicca Handbook: A Complete Guide to Witchcraft and Magic. Vega Books, 2003. ISBN 1843336979
  • Sorita D'Este, David Rankine. Circle of Fire - The Symbolism and Practices of Wiccan Ritual. Avalonia, 2005. ISBN 1905297041
  • Starhawk. Circle Round: Raising Children in the Goddess Tradition. Bantam, 2000. ISBN 0553378058
  • Starhawk. Earth Path. HarperCollins, 2005. ISBN 0060000937
  • Starhawk. The Spiral Dance: A Rebirth of the Ancient Religion of the Great Goddess. HarperSanFrancisco, 1999. ISBN 0062516329
  • Starhawk. Wiccan Rituals and Blessings. Sounds True Inc, 2004. ISBN 1591791138
  • Thea Sabin. Wicca For Beginners: Fundamentals of Philosophy and Practice. Llewellyn Publications, 2004. ISBN 0738707511
  • Thorn Coyle. Evolutionary Witchcraft. Jeremy Tarcher, 2004. ISBN 1585423475
  • Vivianne Crowley. The Magickal Life: A Wiccan Priestess Shares Her Secrets. Penguin Books, 2003. ISBN 014219624X
  • Vivianne Crowley. Wicca: A Comprehensive Guide to the Old Religion in the Modern World. HarperCollins Publishers Ltd, 2003. ISBN 0722532717
  • Yasmine Galenorn. Embracing the Moon: Witch's Guide to Rituals, Spellwork and Shadow Work. Llewellyn Publications, 1998. ISBN 1567183042

[modifica] Altri progetti

[modifica] Collegamenti esterni

Siti e organizzazioni

Chiese non denominazionali