Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Progetto stati Ungheria
Ungheria - Bandiera
Ungheria - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto:  

Informazioni
Nome completo: Ungheria
Nome ufficiale: Magyar Köztársaság
Lingua ufficiale: ungherese
Capitale: Budapest  (1.698.106 ab. / 2006)
Politica
Governo: Repubblica
Presidente: László Sólyom
Primo Ministro: Ferenc Gyurcsány
Indipendenza: 1001 (successivamente dall'Impero austro-ungarico 1918)
Ingresso all'ONU: 14 dicembre 1955
Ingresso nell'UE: 1° maggio 2004
Area
Totale: 93.030 km²  (107°)
 % delle acque: 0,74 %
Popolazione
Totale (2006):
10.076.581[1] ab.  (80°)
Densità: 108 ab./km²  
Geografia
Continente: Europa
Fuso orario: UTC +1
Economia
Valuta: Fiorino ungherese HUF
PIL (PPA)  (2005): 169.875 milioni di $  (48°)
PIL procapite (PPA)  (2007): 20.700 $  (41°)
ISU  (2004): 0,869 (alto)  (35°)
Energia: 0,40  kW/ab.
Varie
TLD: .hu
Prefisso tel.: +36
Sigla autom.: H
Inno nazionale: Himnusz
Festa nazionale: 15 marzo, 20 agosto, 23 ottobre

Portale:Portali Visita il [[Portale:{{{portale}}}|Portale {{{portale}}}]]

L'Ungheria (Magyarország in ungherese, IPA /mɒɟɒrorsaːɡ/, ufficialmente Magyar Köztársaság, Repubblica d'Ungheria) è una repubblica dell'Europa centrale e confina a nord con la Slovacchia, ad est con l'Ucraina e la Romania, a sud con la Serbia e la Croazia e ad ovest con l'Austria e la Slovenia.

L'Ungheria è un repubblica parlamentare, l'attuale capo di stato è László Sólyom e il capo del governo è Ferenc Gyurcsány.

La lingua ufficiale è quella ungherese.

La maggioranza della popolazione è di religione cattolica (67,5%) si hanno poi importanti minoranze protestanti: calvinisti (20%) e luterani (5%), si hanno poi ebrei 1%, il resto sono atei o non dichiarati.

Indice

[modifica] Geografia

Per approfondire, vedi la voce Geografia dell'Ungheria.

L'Ungheria si trova al centro dell'Europa continentale ed è priva di sbocchi sul mare. Il suo territorio occupa per larga parte la zona settentrionale della Pianura Pannonica, ed è quasi escusivamente pianegginate. Il territorio è attraversato dal Danubio che lo divide in due regioni: il Transdanubio, a ovest, e l'Alföld (o Grande Pianura Ungherese), a est.

Nella zona settentrionale del paese vi è una zona montuosa composta da rilievi non molto alti che superano di poco i mille metri, che si snoda da sud-ovest a nord-est per circa 400 km. La prima parte di questa catena prende il nome di Montagne del Transdanubio, ed è costituita dalla Selva Baconia (o catena dei Bakony), che inizia a nord del lago Balaton, seguita dai rilievi di Vértes, di Gerecse e di Pilis che giungono sino all'ansa del Danubio in prossimità della città di Visegrád. La seconda parte prende il nome di Rilievi precarpatici settentrionali, ed è costituita dal massiccio del Börzsöny, seguito dai Monti Mátra, dove si erge la massima elevazione del paese, il Kékes (1.014 m), e infine il massiccio del Bükk (959 m).

I fiumi principali dell'Ungheria sono: il Danubio che segna in parte il confine con la Slovacchia e attraversa tutto il territorio da nord a sud per circa 420 Km, il Tibisco che attraversa l'Alföld da nord a sud per circa 600 km e la Drava lungo il confine con la Croazia.

Il lago Balaton (592 km²) è il piu grande lago dell'Europa centrale, si trova nella parte orientale del paese ai piedi della Selva Baconia, a pochi chilometri a est del Balaton si trova il lago di Velence, che con i suoi 26 km² è il terzo lago del paese per superficie. Altro lago è il lago Fertö (o Lago di Neusiedler) nella zona nord-occidentale al confine con l'Austria. Infine nell'Ungheria settentrionale si trova il lago del Tibisco (in ungherese Tisza-tó), è un bacino artificiale formatosi a seguito della costruzione nel 1980 dell'invaso Kisköre realizzato per il controllo delle piene del Tibisco. Il lago di Tisza-tó con una superficie di 127 km² è il secondo lago del paese.

Le principali città, oltre alla capitale Budapest, sono: Debrecen, Miskolc, Seghedino (Szeged), Pécs (Cinquechiese), Győr, Székesfehérvár (Albareale), Eger, Esztergom (Strigonio).

[modifica] Economia e trasporti

Per approfondire, vedi le voci Economia dell'Ungheria e Trasporti in Ungheria.

L'economia ungherese poggia soprattutto sull'agricoltura e l'allevamento, ma è anche un paese industriale, soprattutto nell'area di Budapest. In Ungheria si coltivano legumi, cereali, frutta, ortaggi e peperoni rossi, da cui si ricava la paprica. Si allevano, inoltre, cavalli, bovini ed ovini.

La rete dei trasporti è ben sviluppata; le autostrade e le linee ferroviarie si diramano a raggiera a partire dalla capitale. Budapest è l'unica città ungherese dotata di aeroporto internazionale, con i tre Terminal di Ferihegy 1, 2A e 2B. La compagnia di bandiera è la Malév; recentemente hanno aperto collegamenti con Budapest diverse compagnie low-cost (fra cui l'ungherese-polacca Wizz Air e la slovacca SkyEurope).

[modifica] Storia

Per approfondire, vedi le voci Storia dell'Ungheria e Irredentismo ungherese.

Alle fine del I secolo a.C. le legioni romane conquistarono la parte a occidente del Danubio dell'attuale Ungheria, la quale divenne la provincia romana della Pannonia. In seguito alle invasioni barbariche, nel VI secolo d.C. il territorio venne occupato da vari popoli eurasiatici, sottoposti più tardi al regno degli Avari, popolazione di origine turcica. Il regno degli Avari fu distrutto da Carlo Magno nel 796.
Nel 896 gli Ungari, un popolo delle steppe formato da varie tribù, prevalentemente del ceppo linguistico ugrico, la principale delle quali era quella dei Magiari, proveniente dagli Urali (con una migrazione che durò molti secoli) via Khazaria (attuale Ucraina), si insedia nelle pianure del medio Danubio, che dopo la distruzione del regno turcico degli Avari da parte di Carlo Magno e la successiva morte dello stesso Carlo Magno, era stata occupata anche da varie tribù slave della Grande Moravia di Svatopluk fino all'arrivo degli Ungari. Esiste anche una teoria dello storico ungherese Gyula László, detta della "doppia conquista della patria", secondo la quale all'arrivo degli ungari nell'896, vi erano già sul posto altre tribù ungare giuntevi secoli prima. Questa teoria però, dopo una certa fama durante il regime socialista, è stata notevolmente ridimensionata dagli studi più recenti. Nel dicembre dell'anno 1000 viene incoronato il primo re d'Ungheria, Stefano I (1000-1038) che convertì il popolo magiaro al cristianesimo. Durante il suo regno riuscì a stabilire uno stato feudale e costruire un paese potente nell'Europa Centrale, denominato variamente Hungaria, Turchia (soprattutto nelle fonti bizantine), Ungverjaland (nelle fonti scandinave). Dopo la sua morte Stefano venne canonizzato nel 1083 e da allora è venerato come santo Stefano d'Ungheria, fondatore dello Stato Ungherese. Dopo il breve e tormentato regno del veneziano Pietro Orseolo (erede legittimo di S. Stefano), i discendenti del primo re d´Ungheria dettero vita alla dinastia degli Arpadi (Árpád in ungherese), che regnò fino al 1301.

Tra i secoli della storia ungherese, il XIII è sicuramente uno dei più complessi. A quest'epoca risale l'intervento legislativo della crisobolla ("bolla d'oro") "Super reformatione regni" di Andrea II (morto nel 1235), con la quale il sovrano riorganizzò e definì la struttura feudale del regno, attribuendo ai feudatari determinate prerogative che non si sarebbero potute comprimere (Nel corso del XIII secolo, inoltre, una serie di nuovi interventi contribuirono a limitare ulterioremente il potere del re a favore di quello del consiglio dei nobili). In seguito alla devastante invasione mongola del 1241, il regno però dovette essere riorganizzato di nuovo. Il re Ladislao IV il Cumano cercò nuovamente di riorganizzare l'esercito e lo Stato appoggiandosi ai Cumani, da poco giunti nel regno (e quindi ancora pagani e musulmani), ma fu fermato da una crociata indetta da papa Niccolò IV che gettò il paese nella guerra civile e portò il sovrano alla morte.

Nel 1302 la dinastia degli Arpadi si estingue. Il trono viene di volta in volta attribuito a dinastie straniere: prima gli Angiò dal 1307; dal 1378 i Lussemburgo; dal 1437 gli Asburgo; al re Ladislao III Jagellone in unione con Polonia e Lituania tra il 1440 e il 1444.

Durante il regno di Mattia I Corvino detto il Giusto (dal 1458 al 1490), viene varata una riforma che riorganizza la pubblica amministrazione. Inoltre, nel XVI secolo viene realizzata una raccolta di leggi, l'Opus Tripartitum di Stefan Werboczy.

Tra il XV e il XVIII l'Ungheria, che in questo periodo assume il nome di Ungheria Reale, vive uno stato di guerra continua contro l'Impero Ottomano, con risultati alterni ora di vittoria (battaglia di Belgrado, 1456), ora di sconfitta (battaglia di Mohács, 1526).

Fino all´epoca napoleonica e romantica il regno d´Ungheria è essenzialmente il "regno della Sacra Angelica, et Apostolica Regni Hungariae Corona", con il latino lingua ufficiale fino al 1846. A tal proposito sono esemplari le parole che vengono attribuite allo stesso Stefano I d´Ungheria: "Lascia agli stranieri la loro lingua e le loro abitudini, giacché il regno che possiede una sola lingua e da per tutto i medesimi costumi è debole e caduco" ("unius linguae, uniusque moris regnum imbecille et fragile est" nella versione originale dei "Consigli al figlio Amerigo": "Sancti Stephani primi regis Hungariae de regum praeceptis decem ad Sanctum Emericum ducem").

Il regno subisce, a partire dal XVI secolo, la dominazione dell'Impero Turco Ottomano finché, nel corso del '600, viene progressivamente assorbito dall'Impero d'Austria: l'unione è sancita nel 1697 e confermata nel trattato di Karlowitz nel 1699.

Durante i moti rivoluzionari del 1848 l'Ungheria dichiara la propria indipendenza dall'Impero Austriaco con l'intento di creare una repubblica.
La rivolta fallisce (a causa di un massiccio intervento russo e per le divisioni interne al movimento antiaustriaco che dividono gli ungheresi al loro interno - vedi scontri tra István Széchenyi, Lajos Kossuth e Miklós Wesselényi - e gli ungheresi dai rumeni).

Con il crescere dei nazionalismi l´Ungheria perde il carattere sovra-etnico, per diventare uno stato multi-etnico del quale alla fine tutti i movimenti nazionalisti a base etnica cercano di liberarsi.

Nel 1867 l'Impero austriaco concede un'ampia autonomia agli Ungheresi, creando con un'unione personale l´Impero Austro-Ungarico (Compromesso).

Nel 1918, con la dissoluzione dell'Impero (in seguito alla sconfitta nella Prima Guerra Mondiale), l'Ungheria ottiene l'indipendenza e viene proclamata la repubblica.

Nel 1919 i comunisti instaurano la Repubblica ungherese dei Soviet, con a capo Béla Kun. Dopo la repressione della medesima, il 31 luglio dello stesso anno viene proclamata la monarchia che dà vita ad un sistema politico parlamentare, fondato sul pluralismo dei partiti, ma limitato dal ruolo straordinario del "Governante", il capo dello stato.

Il 4 giugno 1920, l'Ungheria perde più di due terzi del suo territorio mediante il trattato di pace firmato nel Petit Palais di Trianon. 231.448 km quadrati vengono annessi ai paesi circostanti, soprattutto alla Romania, alla Slovacchia e alla Jugoslavia. Milioni di persone di identità ungherese restano all'interno degli stati eredi in qualità di minoranza.

Il 21 giugno 1941 entra in guerra a fianco della Germania e dell'Italia.

Alla fine della guerra il regime filo-nazista viene rovesciato ed il paese è invaso dall'Armata Rossa, entrando così nell'area d'influenza dell'Unione Sovietica.

[modifica] La Repubblica Popolare d'Ungheria

Ungheria - Stemma Ungheria - Bandiera

La Repubblica Popolare d'Ungheria (Magyar Népköztársaság), era il nome ufficiale dello Stato ungherese durante il periodo comunista. La Repubblica Popolare d'Ungheria fu ufficialmente costituita subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, nel 1949, dopo l'invasione sovietica. Il 23 ottobre 1956 inizia la rivoluzione ungherese. Quindi, il 1° novembre, l'Ungheria esce dal Patto di Varsavia e tre giorni dopo l'Armata rossa invade il Paese e i moti rivoluzionari vengono repressi. Con oltre 3 mila vittime (circa 2mila e 800 ungheresi di entrambe le parti e 700 sovietici, 225 giustiziati). Il paese resterà nel Patto di Varsavia fino al 1989.

Con la caduta della Cortina di ferro (scioglimento del Patto di Varsavia e dissoluzione dell'Unione Sovietica) e il rovesciamento del sistema comunista, il paese si orienta verso modelli economici e politici dell'Europa occidentale. Cessò di esistere nel 1989 a seguito delle proteste di piazza che portarono all'apertura alla democrazia da parte di tutti i paesi appartenenti al blocco orientale.

[modifica] L'entrata nell'Unione Europea

Nel vertice UE di Copenaghen svoltosi il 13 dicembre 2002, fu deciso che dal 1 maggio 2004 l'Ungheria (assieme ad altri 9 Stati) entrasse a far parte dell'Unione Europea, decisione che venne confermata il 12 aprile 2003 con un referendum al quale partecipò il 45% degli aventi diritto al voto e l'84% dei votanti votò a favore dell'UE.

[modifica] Elenco governi dal 1990

  • József Antall (MDF) dal 3 maggio 1990 al 12 dicembre 1993
  • Péter Boross (MDF - Fidesz) dal 12 dicembre 1993 al 15 luglio 1994
  • Gyula Horn (MSZP - SZDSZ) dal 15 luglio 1994 al 6 luglio 1998
  • Viktor Orbán (Fidesz - MDF) dal 6 luglio 1998 al 27 maggio 2002
  • Péter Medgyessy (MSZP - SZDSZ) dal 27 maggio 2002 al 29 settembre 2004
  • Ferenc Gyurcsány (MSZP - SZDSZ) dal 29 settembre 2004

[modifica] Risultati elezioni del 23 aprile 2006

Partito Seggi Perc.
MSZP - Partito Socialista Ungherese 186 48.19
Fidesz - Alleanza dei giovani democratici (destra populista) 164 42.49
SZDSZ - Alleanza dei Liberi Democratici (partito liberale) 18 4.66
MDF - Forum Democratico Ungherese (destra moderata) 11 2.85
MSZP-SZDSZ 6 1.55
SOMOGYÉRT (per Somogy - lista provinciale) 1 0.26

La coalizione di governo è formata da MSZP e SZDSZ che gode in Parlamento di 210 seggi su 386.

[modifica] Attualità

Il 19 settembre 2006, la diffusione di una registrazione effettuata nel maggio precedente, durante una riunione riservata del Partito Socialista al governo (già Partito Socialista Operaio Ungherese, al potere durante il regime comunista), durante la quale il primo ministro Ferenc Gyurcsány diceva d'aver mentito e deliberatamente nascosto agli elettori la grave situazione del paese al fine di vincere le elezioni e di non aver fatto nulla, come governo, per rimediarvi, scatena una serie di manifestazioni contro il governo. Durante le manifestazioni, che chiedono le dimissioni del primo ministro, per il momento non concesse, alcune frange di manifestanti (numericamente esigui, ma molto violenti), secondo la polizia legati agli ultras delle squadre di calcio, hanno compiuto numerosi atti vandalici per tre notti consecutive, assaltando anche la sede della televisione nazionale. Il 22 settembre il presidente del Parlamento dichiara che i manifestanti non hanno formalizzato le proprie richieste e che pertanto non si è ancora posto il problema delle dimissioni del governo o dell'autoscoglimento del parlamento. Il 24 settembre i manifestanti decidono di continuare la protesta nelle piazze. Il Fidesz, principale partito di opposizione, annuncia di iniziare la battaglia politica in parlamento, chiedendo formalmente le dimissioni del governo e nuove elezioni politiche, la richiesta viene fatta il 25 settembre.

Dopo le elezioni amministrative (comunali e provinciali), svoltesi il primo ottobre 2006, in cui il partito socialista di governo subisce una dura sconfitta, l'opposizione fissa al governo un ultimatum di 72 ore per dimettersi. Il 6 ottobre il primo ministro chiede ed ottiene la fiducia del Parlamento in cui gode di ampia maggioranza.

Il 23 ottobre 2006, in coincidenza con la celebrazione del cinquantesimo anniversario dell'Insurrezione di Budapest con la presenza di rappresentanti di quasi tutti i paesi del mondo, sono riprese, in diverse zone della capitale, le manifestazioni contro il governo. Quando la polizia comincia, nelle prime ore del mattino, ad evacuare piazza Kossuth (la piazza antistante il Parlamento, occupata da diverse settimane dai manifestanti antigovernativi) per permettere lo svolgimento della solenne commemorazione ufficiale del 23 ottobre, riprendono gli scontri in varie zone della capitale. Nel pomeriggio, avevano avuto luogo in tutta la città dimostrazioni da parte di gruppi di opposizione. In una piazza del centro, alcuni manifestanti si impossessano di un carro armato storico utilizzato per le cerimonie del 23 ottobre e con questo si dirigono verso le linee della polizia, ma vengono rapidamente bloccati e disarmati. In una zona non molto distante, alcune centinaia di migliaia di cittadini si erano radunate per la commemorazione del 23 ottobre organizzata dal Fidesz, questa si svolge in maniera pacifica. Più tardi iniziano gli scontri con la polizia e si protraggono per tutta la notte. Il 24 ottobre, su richiesta dei partiti di opposizione (che accusano la polizia di aver volutamente provocato gli scontri), i gruppi parlamentari decidono che sarà aperto un dibattito in Parlamento sulle responsabilità degli ultimi scontri, che hanno provocato 160 feriti e 131 persone arrestate. Un dibattito vero e proprio finora non ha avuto luogo, ma dopo una serie di polemiche il prefetto di Budapest è stato confermato al suo posto dal premier ed onorato con una decorazione dal sindaco della capitale. Il Fidesz intanto ha dato vita ad un centro di documentazione per le persone che si considerano vittime o testimoni di abusi che la polizia avrebbe commesso il 23 ottobre, a tale centro si sarebbero rivolte finora centinaia di persone, tra le quali anche diversi stranieri, che sarebbero stati maltrattati dalla polizia ungherese, in occasione della festa nazionale.

[modifica] Identità

Generalmente gli Ungheresi sono fieri della loro "diversità", rispetto agli altri popoli dell'Europa centrale e danubiana di lingua slava (Slovacchi, Serbi, ...), germanica (Austriaci) e neolatina (Rumeni, Italiani). In molti rimpiangono l'età d'oro della Felix Hungaria dell'epoca asburgica precedente alla prima guerra mondiale .(a questo sentimento alcuni sociologi ricollegano anche il così detto complesso "da primi della classe" che caratterizza l'Ungheria post comunista, in riferimento alla volontà di essere migliori, più europei degli altri ex paesi comunisti)[citazione necessaria] Non sono poi pochi gli Ungheresi su cui ancora oggi pesano le mutilazioni territoriali imposte al loro paese dalle potenze vincitrici della prima guerra mondiale e a cui sono seguite le espulsioni in massa, le pulizie etniche ai danni dei loro connazionali (soprattutto dalle attuali nazioni di Slovacchia e Romania). Questa "tragedia nazionale", come viene definita, per esempio, gioca un ruolo ancora importante nella mentalità, nelle attitudine, nelle scelte politiche e culturali degli Ungheresi (per esempio, si studiano poco le lingue dei paesi "vicini" e si mostra, invece, più interesse per le culture "lontane")[2]. Come fino alla seconda guerra mondiale andavano di moda ideologie come il Panturchismo e il Panturanesimo, ancora oggi non mancano organizzazioni che coltivano la memoria dell'origine orientale degli Ungheresi, la leggendaria discendenza da Attila, ecc...[citazione necessaria][3]

[modifica] Suddivisione amministrativa

Per approfondire, vedi la voce Divisioni amministrative dell'Ungheria.

L'Ungheria è suddivisa in 19 province (in ungherese al singolare megye, plur. megyék). Budapest è un distretto a sé stante.

[modifica] Religione

[modifica] Chiesa cattolica

Per approfondire, vedi la voce Chiesa cattolica in Ungheria.

[modifica] Gastronomia

Uno dei piatti tipici della antica cucina magiara è il gulash, in ungherese gulyás, una zuppa che i gulyásak (i mandriani, da gulya che significa mandria) cucinavano dentro un grande paiolo messo su di un fuoco di legna all'aperto. Questo piatto consiste in una sostanziosa minestra a base di carne, lardo, soffritto di cipolla e carote, patate e paprica.

Inizialmente cucinata solo dai mandriani, verso la fine del XVIII secolo arrivò ad essere conosciuta dalle famiglie borghesi, per poi apparire sulla tavola del popolo insieme ad altri stufati di carne, di solito bovina, come i paprikás aggiustati con la farina, la paprica e la panna acida (tejföl), o il pörkölt, chiamata anche la "rosolata della Puszta".

A varcare però i confini nazionali per entrare nei menù di tante nazioni fu solamente il gulyàs

L'ingrediente principe del gulyàs, già citato sopra, è la paprica, che si ottiene dal peperone fatto seccare e macinato, ed è una delle spezie comunemente usate nella preparazione dei cibi. Il peperone, importato dai Turchi, che a loro volta lo avevano preso in India, venne accolto in Ungheria con molto entusiasmo, cambiando così la cucina ungherese.

Una leggenda dice che una giovane contadina ungherese che era stata costretta con la forza a vivere nell'harem del pascià turco di Buda, avesse spiato a lungo i giardini del palazzo mentre coltivavano i peperoni e che, una volta liberata, avesse insegnato ai contadini del suo villaggio a coltivare la paprica.

Il momento del raccolto viene vissuto come un rito gioioso. L' 8 settembre le donne, vestite con costumi sgargianti, raccolgono i peperoni nei campi e dopo averli infilzati con ago e filo fanno delle lunghe ghirlande che appendono a speciali sostegni di legno o ai muri delle case.

[modifica] Ungheresi nei paesi confinanti

Gli ungheresi che rappresentano il 92,3% della popolazione dell'Ungheria, costituiscono anche il 10,7% in Slovacchia, meno dell'1% in Croazia, il 3,5% in Serbia, il 6,6% in Romania,lo 0,3% in Ucraina, lo 0,2% in Austria. Dunque sono 7 i paesi abitati da Ungheresi:

  • Ungheria, ovviamente
  • Slovenia, in alcuni paesi al confine con l'Ungheria
  • Croazia, in alcuni paesi al confine con l'Ungheria
  • Slovacchia nella fascia meridionale che confina con l'Ungheria
  • Serbia, nel nord del Paese soprattutto in Vojvodina
  • Romania soprattutto in Transilvania dove rappresentano il 19,6% della popolazione e addirittura l'84,9% nel distretto di Harghita e il 73,81% nel distretto di Covasna.
  • Ucraina, nella Rutenia soprattutto al confine con l'Ungheria dove sono il 12% della popolazione.
  • Austria, soprattutto nel Burgenland al confine con l'Ungheria dove sono il 7% della popolazione.

[modifica] Citazioni sull'Ungheria

Collabora a Wikiquote « "Non so se verun'altra nazione dopo la francese sia generalmente in sì buon piede di clero, quanto l'Ungheria" »
( Giuseppe Garampi, nunzio apostolico a Vienna, 1776)
Collabora a Wikiquote « "Vienna, l'Impero, ungheresi, tedeschi, moravi, cechi, serbi, croati e italiani, formavano un'unica grande famiglia, e all'interno di questa ciascuno intuiva in segreto che l'unico in grado di mantenere l'ordine, in quella marea di desideri, inclinazioni e passioni tumultuose, era l'imperatore, che era contemporaneamente sergente maggiore in servizio perpetuo e maestà, funzionario statale con i coprigomiti in lustrino e grand seigneur, bifolco e sovrano" »
(Sándor Márai, Le braci, 1942)

[modifica] Note

  1. ^ KSH (Uffico centrale di Statistica)
  2. ^ http://www.cafebabel.com/en/article.asp?T=A&Id=1151
  3. ^ Frank Viviano e Tomasz Tomaszewski, Gli ultimi figli di Attila, National Geographic, giugno 2005, edizione italiana, http://www.nationalgeographic.it/nat_geo/riv_sch.jsp?codArt=215#

[modifica] Voci correlate

[modifica] Altri progetti

[modifica] Collegamenti esterni

Ungheria su DMoz (Segnala su DMoz un link pertinente all'argomento Ungheria)
La bandiera della NATO NATO - North Atlantic Treaty Organisation La bandiera della NATO
Belgio · Bulgaria · Canada · Danimarca · Estonia · Francia · Germania · Grecia · Islanda · Italia · Lettonia · Lituania · Lussemburgo · Norvegia · Olanda · Polonia · Portogallo · Regno Unito · Repubblica Ceca · Romania · Slovacchia · Slovenia · Spagna · Stati Uniti d'America · Turchia · Ungheria

Stati per indice di sviluppo umano

 
Precedente Successivo
Brunei 35° posto Argentina
Altre lingue