Supercoppa Europea di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

bussola Nota disambigua - "Supercoppa Europea" reindirizza qui. Se stai cercando la Supercoppa Europea in altri sport, vedi Supercoppa europea (disambigua).
Supercoppa Europea UEFA
Disciplina:  Calcio
Fondazione:  1972
Apertura:  Fine agosto
Partecipanti:  Campione d'Europa
Detentore Coppa UEFA
Tipo:  Club
Cadenza  Annuale
Formula:  Partita unica
in campo neutro
Confederazione:  UEFA
Detentore:  Milan
Sito ufficiale:  uefa.com

Trofeo o riconoscimento

La Supercoppa Europea o Supercoppa UEFA è un trofeo calcistico europeo, assegnato al termine di una partita che mette di fronte i vincitori dell'ultima Champions League e dell'ultima Coppa UEFA. La sfida si gioca nel Principato di Monaco verso la fine di agosto e segna l'inizio della nuova stagione calcistica continentale.

Indice

[modifica] Storia

Agli inizi degli anni Settanta le coppe organizzate dalla UEFA avevano raggiunto uno straordinario successo di pubblico. Non solo la più prestigiosa Coppa dei Campioni, ma anche la Coppa delle Coppe riscuoteva un grande interesse tra i tifosi. Nel 1968 nell'albo d'oro della seconda manifestazione continentale era stato iscritto un nome assai illustre, quello del Milan già Campione d'Europa in passato nel 1963 e futuro vincitore nel 1969. Quando nel 1971 il pluridecorato Real Madrid si affacciò in finale di Coppa delle Coppe, nessuno più nutrì dubbi sulla consistenza tecnica della coppa cadetta.

[modifica] L'Ajax e il calcio totale

L'origine della Supercoppa Europea è curiosamente simile a quella della Coppa dei Campioni. Il dibattito che portò all'istituzione della competizione ebbe inizio nel 1972 sul quotidiano Olandese De Telegraaf, sulle cui colonne si cominciò a discutere sulla forza dell'Ajax di Johan Cruijff, la squadra che grazie al suo Calcio totale stava egemonizzando la Coppa dei Campioni. Il giornalista Anton Witkamp propose la creazione di una nuova manifestazione che sancisse ufficialmente la superiorità dei lancieri, e dei campioni d'Europa in generale, sui vincitori dell'altra coppa europea. Witkamp si recò dunque alla sede della UEFA per sostenere la propria idea di una sfida fra l'Ajax e gli scozzesi dei Rangers, freschi vincitori della Coppa delle Coppe, ma trovò la totale opposizione del presidente Artemio Franchi, poco entusiasta dell'iniziativa e contrario nello specifico in quanto gli scozzesi erano stati colpiti da una squalifica a causa delle gravi intemperanze di cui si erano resi protagonisti i suoi tifosi nella finale di Barcellona. Witkamp non si diede per vinto ed organizzò comunque la manifestazione, sotto forma di amichevole sponsorizzata dal De Telegraaf, intitolandola al centenario del club scozzese che casualmente ricorreva proprio in quell'anno; per massimizzare gli incassi e l'affluenza del pubblico, si optò per una doppia gara d'andata e ritorno, e le partite ebbero luogo a Glasgow il 16 giugno e ad Amsterdam il 24 successivo. I lancieri si imposero sia all'andata sia al ritorno, sanzionando così il proprio primato continentale assoluto.

[modifica] La Supercoppa UEFA

L'Ajax continuò il suo dominio nella stagione successiva, e la vittoria in Coppa delle Coppe del titolato Milan a Salonicco rialimentò i dibattiti iniziatiti dal De Telegraaf e che ora rimbalzavano su tutti i principali giornali sportivi europei. Visto anche il buon successo di pubblico ottenuto dalla Coppa del Centenario del Glasgow, questa volta la UEFA non potè esimersi dal'organizzare ufficialmente la nuova Supercoppa Europea mettendo di fronte i vincitori delle sue due principali competizioni acquisendo il format dell'incontro di andata e ritorno in cui chi realizzava il maggior numero di reti complessive si aggiudicava il torneo.

La congestione del calendario - un problema che affliggerà a lungo la manifestazione - fece disputare la prima gara a San Siro il 9 gennaio 1974; all'andata si impose il Milan per 1-0, ma la settimana seguente nel ritorno di Amsterdam i lombardi furono letteralmente travolti con un inequivocabile sei a zero, punteggio che a tutt'oggi resta di gran lunga la peggior sconfitta di tutta la storia dei rossoneri nelle coppe europee. La consacrazione dei lancieri non potè essere più totale.

[modifica] Un cammino incostante

La storia del torneo non continuò però in maniera regolare, schiacciata dalle manifestazioni maggiori, dai problemi di calendario, e financo da crisi politiche. Già la seconda edizione ufficiale, che avrebbe dovuto prendere luogo nell'autunno del 1974, non si disputò infatti mai, dato che le contendenti avrebbero dovuto essere i tedeschi occidentali del Bayern Monaco e quelli orientali del Magdeburgo, squadre espressione di due Stati al centro di una gravissima crisi spionistica che aveva portato pochi mesi prima alle dimissioni del cancelliere Willy Brandt. Il Bayern prese invece parte alle due successive edizioni, ma perse in entrambi i casi, a dispetto della sua imbattibilità in Coppa Campioni, dapprima ad opera di una Dinamo Kiev sostenuta da un pubblico casalingo strabordante di centodiecimila spettatori, e poi per mano dei non irresistibili belgi dell'Anderlecht che incredibilmente batterono due anni dopo anche il Liverpool. La finale del 1980, col Valencia vittorioso contro il Nottingham Forest, fu l'unica decisa dalla regola dei gol segnati in trasferta

Se nel 1981 la coppa subì un altro stop poiché i campioni d'Europa del Liverpool non poterono trovare alcuna data libera all'interno dell'intasatissimo calendario agonistico inglese, anche nel 1984 i Reds si trovarono di fronte allo stesso problema, riuscendo alla fine a partecipare ad una sola gara a Torino contro la Juventus, coi bianconeri che posero la loro prima firma nel torneo. Gli anni Ottanta furono un periodo tribolatissimo competizione, che non ebbe luogo nel 1985 a causa degli strascichi della strage dell'Heysel, e che si dovette disputare in campo neutro davanti a pochi intimi a Monaco nel 1986 a causa delle restrizioni all'espatrio a cui i governi comunisti sottoponevano i tifosi delle due sfidanti di quell'edizione, i romeni della Steaua Bucarest e i sovietici della Dinamo Kiev.

L'edizione del 1990 in cui il Milan, già vittorioso l'anno prima, battè la Sampdoria, fu in un certo senso storica perché fu la prima disputata fra squadre della stessa nazione e la prima in cui una squadra vinceva 2 volte di fila. Nuovi problemi insorsero nel 1991, quando la crisi deflagrata in Jugoslavia impedì alla Stella Rossa di ospitare il Manchester United, obbligando gli slavi alla sola gara in trasferta in cui i Red Devils colsero il loro unico successo del torneo. Nel 1993 i campioni dell'Olympique Marsiglia furono squalificati a causa di uno scandalo di corruzione che li aveva visti protagonisti, e furono sostituiti dal Milan, che però perse la gara di ritorno casalinga a San Siro consegnando ai gialloblù del Parma una storica vittoria. L'edizione del 1997 in cui il Barcellona battè il Borussia Dortmund fu infine l'ultima della vecchia formula inaugurata nel 1972.

[modifica] Il palcoscenico di Montecarlo

Lo stadio Louis II di Monaco, sede fissa del torneo dal 1998.
Lo stadio Louis II di Monaco, sede fissa del torneo dal 1998.

Con la stagione 1997-98 la UEFA adottò una serie di cambiamenti per le sue manifestazioni, prodromo alla grande riforma del 1999. Dal 1998 la Supercoppa Europea viene dunque assegnata in gara unica giocata ad agosto allo Stadio Louis II di Montecarlo, come evento marcante l'inizio della nuova stagione agonistica, susseguente i sorteggi di Champions League e Coppa Uefa che ivi si svolgono. Il nuovo format ha dato finalmente regolarità al torneo, che dal 2000, in seguito all'abolizione della Coppa delle Coppe, è conteso fra i vincitori della Champions League e quelli della Coppa Uefa.

Negli ultimi anni il trofeo è stato appannaggio di vari club, tra cui vari pluridecorati campioni d'Europa: gli spagnoli del Real Madrid, gli italiani del Milan, e gli inglesi del Liverpool.

[modifica] Il trofeo

La coppa originaria della manifestazione fu opera delle officine Bertoni di Milano. Nel 2006 la UEFA decise però di modificarlo, ritenendo che le sue piccole dimensioni non risaltassero l'importanza che la confederazione voleva dare alla manifestazione. Il nuovo trofeo è dunque in tutto simile come forma al precedente, ma è considerevolmente più grande, essendo alto 58 centimentri e pesando 12 chili, più del doppio del predecessore.

[modifica] Curiosità

  • La formula della finale è oggi a quella di ogni altra finale di competizioni UEFA per club. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, si disputano due tempi supplementari da 15 minuti ciascuno. In caso di ulteriore parità, il nome del vincitore è deciso ai calci di rigore.
  • Anche per questo trofeo vige il principio della Champions: chi la vince 5 volte non consecutive o 3 volte di fila la tiene per sempre. Attualmente solo una squadra ci è riuscita, il Milan, che è riuscito nell'impresa di custodire una copia del trofeo per sempre, dopo aver vinto l'edizione 2007 del trofeo per 3-1 contro il Siviglia in una partita segnata dal lutto per la morte di Antonio Puerta. Inoltre il Milan ha sempre vinto presentandosi da vincitore della Champions League.

[modifica] Finali

[modifica] Finali con partita unica

Tutte le partite si tengono allo Stade Louis II di Monaco.

Anno Vincitore Punteggio Sfidante
2007 Milan
bandiera Italia
3 - 1 Siviglia
bandiera Spagna
2006 Siviglia
bandiera Spagna
3 - 0 Barcellona
bandiera Spagna
2005 Liverpool
bandiera Inghilterra
3 - 1
dts
CSKA Mosca
bandiera Russia
2004 Valencia
bandiera Spagna
2 - 1 Porto
bandiera Portogallo
2003 Milan
bandiera Italia
1 - 0 Porto
bandiera Portogallo
2002 Real Madrid
bandiera Spagna
3 - 1 Feyenoord
bandiera Paesi Bassi
2001 Liverpool
bandiera Inghilterra
3 - 2 Bayern Monaco
bandiera Germania
2000 Galatasaray
bandiera Turchia
2 - 1
gg
Real Madrid
bandiera Spagna
1999 Lazio
bandiera Italia
1 - 0 Manchester United
bandiera Inghilterra
1998 Chelsea
bandiera Inghilterra
1 - 0 Real Madrid
bandiera Spagna

[modifica] Finali con partite di andata e ritorno

Anno Squadra in casa Punteggio Squadra fuori casa Stadio
1997 Barcellona
bandiera Spagna
2 - 0 Borussia Dortmund
bandiera Germania
Camp Nou,
Barcellona
Borussia Dortmund
bandiera Germania
1 - 1 Barcellona
bandiera Spagna
Westfalenstadion,
Dortmund
Barcellona 3-1 complessivo
1996 Paris Saint-Germain
bandiera Francia
1 - 6 Juventus
bandiera Italia
Parco dei Principi,
Parigi
Juventus
bandiera Italia
3 - 1 Paris Saint-Germain
bandiera Francia
La Favorita,
Palermo
Juventus 9-2 complessivo
1995 Real Saragozza
bandiera Spagna
1 - 1 Ajax
bandiera Paesi Bassi
La Romareda,
Saragozza
Ajax
bandiera Paesi Bassi
4 - 0 Real Saragozza
bandiera Spagna
Stadio Olimpico,
Amsterdam
Ajax 5-1 complessivo
1994 Arsenal
bandiera Inghilterra
0 - 0 Milan
bandiera Italia
Highbury,
Londra
Milan
bandiera Italia
2 - 0 Arsenal
bandiera Inghilterra
San Siro,
Milano
Milan 2-0 complessivo
1993 Parma
bandiera Italia
0 - 1 Milan
bandiera Italia
Stadio Ennio Tardini,
Parma
Milan
bandiera Italia
0 - 2
dts
Parma
bandiera Italia
San Siro,
Milano
Parma 2-1 complessivo
Nota: I campioni d'Europa del Marsiglia furono squalificati per uno scandalo di corruzione.
1992 Werder Brema
bandiera Germania
1 - 1 Barcellona
bandiera Spagna
Weserstadion,
Brema
Barcellona
bandiera Spagna
2 - 1 Werder Brema
bandiera Germania
Camp Nou,
Barcellona
Barcellona 3-2 complessivo
1991 Manchester United
bandiera Inghilterra
1 - 0 Stella Rossa Belgrado
bandiera RSF Jugoslavia
Old Trafford,
Manchester
Nota: venne disputata solo l'andata per motivi politici
1990 Sampdoria
bandiera Italia
1 - 1 Milan
bandiera Italia
Stadio Luigi Ferraris,
Genova
Milan
bandiera Italia
2 - 0 Sampdoria
bandiera Italia
Stadio Renato Dall'Ara,
Bologna
Milan 3-1 complessivo
1989 Barcellona
bandiera Spagna
1 - 1 Milan
bandiera Italia
Camp Nou,
Barcellona
Milan
bandiera Italia
1 - 0 Barcellona
bandiera Spagna
San Siro,
Milano
Milan 2-1 complessivo
1988 Malines
bandiera Belgio
3 - 0 PSV Eindhoven
bandiera Paesi Bassi
Achter de Kazerne,
Malines
PSV Eindhoven
bandiera Paesi Bassi
1 - 0 Malines
bandiera Belgio
Philips Stadion,
Eindhoven
Malines 3-1 complessivo
1987 Ajax
bandiera Paesi Bassi
0 - 1 Porto
bandiera Portogallo
De Meer Stadium,
Amsterdam
Porto
bandiera Portogallo
1 - 0 Ajax
bandiera Paesi Bassi
Estádio das Antas,
Oporto
Porto 2-0 complessivo
1986 Steaua Bucarest
Romania
1 - 0 Dinamo Kiev
bandiera Unione Sovietica
Stade Louis II,
Monaco
Nota: Incontro singolo disputato in campo neutro per motivi politici
1985 Non disputata
Juventus (bandiera Italia) - Everton (bandiera Inghilterra)
Non disputata a causa della strage dell'Heysel e della conseguente squalifica delle squadre inglesi da parte dell'UEFA
1984 Juventus
bandiera Italia
2 - 0 Liverpool
bandiera Inghilterra
Stadio Comunale,
Torino
Nota: venne disputata solo l'andata perché il Liverpool non riuscì a trovare un'altra data per affrontare la Juventus
1983 Amburgo
bandiera Germania Ovest
0 - 0 Aberdeen
bandiera Scozia
Volksparkstadion,
Amburgo
Aberdeen
bandiera Scozia
2 - 0 Amburgo
bandiera Germania Ovest
Pittodrie Stadium,
Aberdeen
Aberdeen 2-0 complessivo
1982 Barcellona
bandiera Spagna
1 - 0 Aston Villa
bandiera Inghilterra
Camp Nou,
Barcellona
Aston Villa
bandiera Inghilterra
3 - 0
dts
Barcellona
bandiera Spagna
Villa Park,
Birmingham
Aston Villa 3-1 complessivo
1981 Non disputata
Liverpool (bandiera Inghilterra) - Dinamo Tbilisi (bandiera Unione Sovietica)
Non disputata perché il Liverpool non trovò le date per incontrare la Dinamo Tbilisi
1980 Nottingham Forest
bandiera Inghilterra
2 - 1 Valencia
City Ground,
Nottingham
Valencia
1 - 0 Nottingham Forest
bandiera Inghilterra
Stadio Luis Casanova,
Valencia
2-2 complessivo
Valencia grazie ai gol in trasferta
1979 Nottingham Forest
bandiera Inghilterra
1 - 0 Barcellona
City Ground,
Nottingham
Barcellona
1 - 1 Nottingham Forest
bandiera Inghilterra
Camp Nou,
Barcellona
Nottingham Forest 2-1 complessivo
1978 Anderlecht
bandiera Belgio
3 - 1 Liverpool
bandiera Inghilterra
Parc Astrid,
Bruxelles
Liverpool
bandiera Inghilterra
2 - 1 Anderlecht
bandiera Belgio
Anfield,
Liverpool
Anderlecht 4-3 complessivo
1977 Amburgo
bandiera Germania Ovest
1 - 1 Liverpool
bandiera Inghilterra
Volksparkstadion,
Amburgo
Liverpool
bandiera Inghilterra
6 - 0 Amburgo
bandiera Germania Ovest
Anfield,
Liverpool
Liverpool 7-1 complessivo
1976 Bayern Monaco
bandiera Germania Ovest
2 - 1 Anderlecht
bandiera Belgio
Olympiastadion,
Monaco di Baviera
Anderlecht
bandiera Belgio
4 - 1 Bayern Monaco
bandiera Germania Ovest
Parc Astride,
Bruxelles
Anderlecht 5-3 complessivo
1975 Bayern Monaco
bandiera Germania Ovest
0 - 1 Dinamo Kiev
bandiera Unione Sovietica
Olympiastadion,
Monaco di Baviera
Dinamo Kiev
bandiera Unione Sovietica
2 - 0 Bayern Monaco
bandiera Germania Ovest
Stadio Repubblicano,
Kiev
Dinamo Kiev 3-0 complessivo
1974 Non disputata
Bayern Monaco (bandiera Germania Ovest) - FC Magdeburg (bandiera Germania Est)
Non disputata per motivi politici
1973 Milan
bandiera Italia
1 - 0 Ajax
bandiera Paesi Bassi
San Siro,
Milano
Ajax
bandiera Paesi Bassi
6 - 0 Milan
bandiera Italia
Stadio Olimpico,
Amsterdam
Ajax 6-1 complessivo

[modifica] Coppa del Centenario dei Rangers

Anno Squadra in casa Punteggio Squadra fuori casa Stadio
1972 Rangers
bandiera Scozia
1 - 3 Ajax
bandiera Paesi Bassi
Ibrox Stadium,
Glasgow
Ajax
bandiera Paesi Bassi
3 - 2 Rangers
bandiera Scozia
Stadio De Meer,
Amsterdam
Ajax 6-3 complessivo

[modifica] Classifica per nazione


Paese Vittorie Finali perse Club vincitore
bandiera Italia 9 3 Milan (5), Juventus (2), Parma (1), Lazio (1)
bandiera Inghilterra 7 5 Liverpool (3), Chelsea (1), Manchester United (1), Aston Villa (1), Nottingham Forest (1)
bandiera Spagna 6 6 Barcellona (2), Valencia (2), Real Madrid (1), Siviglia (1),
bandiera Belgio 3 0 Anderlecht (2), KV Mechelen (1)
bandiera Paesi Bassi 2+1 3 Ajax (2+1)
bandiera Portogallo 1 2 Porto (1)
bandiera Scozia 1 1 Aberdeen (1)
bandiera Ucraina 1 1 Dinamo Kiev (1)
bandiera Romania 1 0 Steaua Bucarest (1)
bandiera Turchia 1 0 Galatasaray (1)
bandiera Germania 0 7 -
bandiera Francia 0 1 -
bandiera RSF Jugoslavia 0 1 -
bandiera Russia 0 1 -

[modifica] Voci correlate

Calcio internazionale di club

FIFA - Mondiale per club FIFA - Calciatore dell'anno FIFA - Scarpa d'oro - Calciatore asiatico dell'anno - Calciatore africano dell'anno
Calciatore nordamericano dell'anno - Calciatore sudamericano dell'anno - Calciatore oceanico dell'anno - Calciatore europeo dell'anno


     Asia: AFCChampions LeagueCoppa dell'AFCSquadre
     Africa: CAFChampions LeagueSquadre
     America del Nord: CONCACAFChampions LeagueSquadre
     America del Sud: CONMEBOLCoppa LibertadoresCopa SudamericanaSquadre
     Oceania: OFCChampions LeagueSquadre
     Europa: UEFAChampions LeagueCoppaSupercoppaCoppa delle CoppeSquadre
Questa voce dovrà essere rivista e aggiornata nel mese di agosto del 2008.