Mormonismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Grande Tempio di Salt Lake City
Il Grande Tempio di Salt Lake City
Joseph Smith1° profeta mormone
Joseph Smith
1° profeta mormone
Brigham Young2° profeta mormone
Brigham Young
2° profeta mormone
Lorenzo Snow5° profeta mormone
Lorenzo Snow
5° profeta mormone

Il Mormonismo, di cui la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è la principale organizzazione, è una confessione religiosa che conta circa 12 milioni di fedeli.

Il soprannome di mormoni dato ai suoi sostenitori deriva dal Libro di Mormon, da essi riconosciuto come un altro testo sacro assieme alla Bibbia. A tale appellativo, per quanto non rifiutato dai fedeli della Chiesa di Gesù Cristo, è preferito santi degli ultimi giorni o semplicementi santi (nel Nuovo Testamento con il termine santo si indica colui che dopo essersi battezzato entra a far parte dell'assemblea dei credenti).

I santi degli ultimi giorni considerano la loro fede una religione di ispirazione cristiana, riconoscono in Gesù Cristo l’unico vero capo della loro Chiesa, e nella Sua espiazione, iniziata nel Getsemani e completata sulla croce, il solo ed unico salvatore del genere umano. Si definiscono la chiesa originale di Gesù Cristo, restaurata sulla Terra. Tale chiesa non aderisce al consiglio ecumenico delle chiese e non è considerata cristiana da alcune confessioni cristiane (come quella cattolica) a causa delle differenze dottrinali sulla natura di Dio, sul Piano di Salvezza e per la Rivelazione Moderna.

Indice

[modifica] Storia

La Chiesa fu fondata (o, secondo i mormoni, restaurata) da Joseph Smith (1805 - 1844).

Il giovane Smith dichiarò che in un mattina di primavera del 1820, dopo avere pregato in un bosco, gli sarebbero apparsi due personaggi gloriosi, rispettivamente Dio il Padre e il figlio Gesù Cristo. Smith affermò inoltre che, in seguito, nel 1823, gli sarebbe apparso ancora un messaggero mandato da Dio, di nome Moroni, che gli avrebbe indicato il luogo dove, in seguito, gli avrebbe consegnato un libro inciso su tavole d'oro in "egiziano riformato" dal profeta Mormon, nelle quali è indicata la sacra e secolare storia della sua gente. Joseph Smith avrebbe in seguito tradotto il libro, scritto dagli antichi abitanti dell'America e l'avrebbe pubblicato con il titolo Il Libro di Mormon, prima di riconsegnare le tavole.

Il Libro di Mormon venne stampato nel 1830, e divenne oggetto di serrate critiche da parte degli altri ambienti religiosi dell'epoca. La Chiesa fu restaurata il 6 aprile 1830 a Fayette nello stato di New York (USA) da Joseph Smith e, secondo le leggi vigenti, altre 5 persone. Nel tempo di un mese il numero di membri salì a quaranta. Il nucleo di Mormoni creatosi si spostò poi a Kirtland, Ohio, dove dopo sei anni il numero dei membri superò il migliaio. Chiamata in origine "Chiesa di Cristo", il 26 aprile 1838 divenne la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni.

Inizialmente queste nuove idee religiose incontrarono l'ostilità della gente del loro paese d'origine e i Mormoni dovettero spesso cambiare sede a causa della chiusura del gruppo e della difficoltà di integrazione con i precedenti residenti dei luoghi nei quali si stanziavano e dei contrasti con le autorità locali. Si ebbero contrasti anche in seno alle più alte cariche della chiesa e alcuni componenti del gruppo iniziale se ne allontanarono, alcuni in modo non definitivo. Tale difficoltà di integrazione fu in gran parte superata quando fu abolita la poligamia, principale pietra dello scandalo, e i mormoni prestarono giuramento di fedeltà alla Costituzione degli Stati Uniti.

Nel 1844 Joseph e il fratello Hyrum furono assassinati mentre erano in prigione a Carthage, nell'Illinois, in quanto accusati di aver distrutto la tipografia di un giornale contrario. Si trattò di un vero e proprio linciaggio.

Il successore di Smith, Brigham Young guidò i Mormoni in una lunga marcia attraverso gli Stati Uniti. I mormoni infatti sono stati i primi colonizzatori del West. Dopo un lungo e faticoso viaggio arrivarono, nel luglio del 1847, nella valle del Grande Lago Salato nello Stato dell'Utah, un luogo arido e sperduto nel lontano ovest. Lì, costruirono la città di Salt Lake City, che ospita tuttora il quartiere generale della "Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni".

Il 24 settembre 1890 la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni rinunciò ufficialmente alla poligamia; esistono comunque ancora oggi alcune comunità fondamentaliste, formate da alcune migliaia di persone, non in comunione con la suddetta Chiesa, dove si continua a praticare la poligamia.

Nel 1978 venne estesa la possibilità del sacerdozio a tutti i fedeli maschi della Chiesa, il cui comportamento fosse degno di tale sacro ufficio.

[modifica] Testi sacri

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni poggia la propria dottrina e la pratica religiosa nella rivelazione continua. Da questa derivano i libri Sacri che, insieme alla Bibbia, formano l'insieme dei testi canonici.

Il primo Libro accettato quale parola di Dio al pari della Bibbia è stato il Libro di Mormon, che Joseph Smith dichiarò di avere semplicemente tradotto da tavole d'oro consegnategli da un angelo. Il libro parla della storia di alcune famiglie emigrate in America settentrionale dall'Asia ai tempi della Torre di Babele e successivamente, al tempo di Sedecia (ca. 600 a.C.), di due famiglie ebree provenienti da Gerusalemme. Successivamente le tavole originali sarebbero state riprese dall'angelo Moroni, figlio di Mormon, l'autore della gran parte di esse.

La religione mormone crede in una rivelazione che non è completata, e che il disvelamento della verità sia progressivo, ad opera di uomini che ricevono da Dio il dono della profezia, e, parlando sotto ispirazione divina, rivelano ulteriori porzioni di verità che non negano quelle dei precedenti profeti, ma ne integrano e arricchiscono i contenuti e la comprensione.

In virtù dell'accettazione della rivelazione continua, al primo libro se ne sono aggiunti altri.

  • Dottrina e Alleanze: contiene le rivelazioni ricevute direttamente dal fondatore Smith e da alcuni dei profeti successivi, oltre ad alcune dichiarazioni ufficiali sul matrimonio, sulla famiglia e sulle credenze fondamentali della Chiesa.
  • Perla di Gran Prezzo, che contiene
    • il Libro di Abramo, considerato la traduzione di vecchi papiri venuti in possesso di Joseph Smith;
    • il Libro di Mosè, sempre secondo Joseph Smith, ricevuto per rivelazione;
    • gli Articoli di Fede, sintesi dei principi fondamentali della dottrina dei Mormoni.

La Bibbia Riveduta da JS, composta da stralci della revisione del testo biblico che J. Smith stava compiendo prima di essere assassinato, non fa parte delle opere canoniche.

[modifica] Dottrina

La dottrina mormone non deriva dalla sola interpretazione delle opere canoniche ma ammette il principio della "rivelazione continua". Questo implica che ogni persona, in quanto figlio o figlia del Padre Celeste, puo' ricevere rivelazione per se e per la propria famiglia, al di la' della sua professione religiosa o status sociale. Mentre l'unica persona al mondo che puo' ricevere rivelazioni generali per l'intera chiesa e l' umanita' intera e' il profeta che presiede la chiesa. La rivelazione per essere riconosciuta come tale, deve essere accettata da tutti i fedeli mormoni quando questi si riuniscono in occasione delle conferenze generali della chiesa, tenute due volte all'anno. Per fare un esempio questo schema e' stato usato per riconoscere la rivelazione di Pres. Joseph F. Smith ora contenuta nella sezione 137 di Dottrina e Alleanze. Alcuni esempii delle credenze mormoni:

  • Dio Padre e Gesu' Cristo e lo Spirito Santo sono ritenuti esseri separati e distiti ma uniti nei propositi e desideri, ognuno di essi ad eccezione dello Spirito Santo ha con un corpo di carne e ossa immortale e perfetto. Mentre lo Spirito Santo ha solo un corpo spirituale.
  • La creazione
  • L'espiazione di Gesu' Cristo
  • il battesimo di pentimento
  • la risurrezione reale del corpo;
  • Il matrimonio eterno e non legato alla solo mortalita'
  • L'eterna durata dei legami familari.
  • nega invece il peccato originale e quindi la necessità di battezzare i neonati.

[modifica] Liturgia e riti

La liturgia è relativamente semplice e la stessa terminologia utilizzata ne vuole accentuare il carattere quasi laico.

La Riunione Sacramentale è il centro della liturgia domenicale e si compone essenzialmente di canti ("Inni Sacri"), preghiere (all'inizio e alla fine), discorsi dei membri e/o dirigenti e la parte rituale del "Sacramento" (o "Cena del Signore") dove si ricorda il sacrificio di Gesù Cristo a favore di ogni uomo. Solo le preghiere della benedizione del pane e dell'acqua (al posto del vino) hanno una formula fissa che deve essere rispettata parola per parola.

La domenica si svolgono altre riunioni sia di addestramento che di insegnamento. In particolare la "Scuola Domenicale" (con corsi di quattro anni) insegna i princìpi contenuti nelle opere canoniche. Le altre riunioni vengono tenute suddivise per età e uffici del sacerdozio.

Oltre al rito domenicale, aperto a tutte le persone, esistono altri riti che vengono celebrati nel tempio. A questi riti o "Ordinanze" possono partecipare solamente i membri che hanno dimostrato una buona fedeltà ai principi ed alle regole della Chiesa. Le "Ordinanze del Tempio" hanno un forte carattere simbolico. Esse non vengono in alcun modo spiegate o commentate (è lasciato ad ogni fedele comprenderne il significato applicandosi alla meditazione ed alla preghiera). Le ordinanze stesse, e la loro personale spiegazione, sono considerate sacre e quindi tenute riservate. Il loro ruolo centrale è quello di fornire, in maniera simbolica, le chiavi per conoscere il "Piano di Salvezza", la natura di Dio e dell'uomo secondo la dottrina mormone.

Un altro rito praticato dai Mormoni è il "Battesimo per i defunti": essi sanno che un membro della Chiesa può battezzarsi per procura a nome dei suoi antenati defunti, che sono considerati viventi spiritualmente nell'aldilà ("mondo degli spiriti"). Per esempio, se il nonno di un mormone non era di questa fede e il nipote si battezza in suo nome, anche lo spirito del nonno ha la possibilità di diventare mormone accettando l'ordinanza fatta per procura. Questa credenza ha spinto la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni a creare, a Salt Lake City, la più grande raccolta di nominativi di persone vissute nel mondo, con lo scopo di battezzarle tutte nella fede Mormone. Molti mormoni sono transumanisti.[1]

[modifica] Decima

Ad ogni membro ritenuto "degno" è richiesto di osservare l'antica legge della decima, cioè a versare la decima parte dei propri guadagni per "l'edificazione del Regno di Dio". Con l'utile di queste entrate, i Mormoni costruiscono templi e locali per i culti (cappelle). L'amministrazione è ufficialmente revisionata da società contabili indipendenti alla Chiesa stessa.

[modifica] Digiuno

I mormoni digiunano usualmente per un intera giornata (24 ore), la prima domenica di ogni mese. Il digiuno è iniziato con un preghiera di dedicazione: per migliorare salute, per una persona che sta male, per l'aiuto nella realizzazione di obiettivi personali, per ricevere guida, o semplicemente per ringraziare Dio. Allo stesso modo il digiuno è chiuso con una preghiera di ringraziamento. La prima domenica del mese è detta di "digiuno e testimonianza" e durante la riunione sacramentale invece dei soliti discorsi le persone si recano al pulpito per portare la loro testimonianza. La stessa domenica viene versata un'offerta di digiuno equivalente almeno a quello che si sarebbe speso per i due pasti a cui si è rinunciato. I fondi ottenuti tramite queste offerte permettono attività caritatevoli della chiesa, rivolte sia ai membri bisognosi, sia a persone che non vi appartengono e che si rivolgono ad essa.

[modifica] Diffusione

Tempio Svizzero
Tempio Svizzero

La chiesa principale è quella di Salt Lake City, posta sotto la direzione di un presidente ("profeta" e "rivelatore") e di dodici apostoli, la quale ha dato impulso ad una notevole attività missionaria. Gli uomini partono per la missione, che dura mediamente due anni, all'età di 19 anni, le donne all'età di 21 anni e possono essere inviati in qualunque parte del mondo. A volte si possono vedere, soprattutto nelle grandi città, anche coppie di marito e moglie in pensione che partono per la missione.

Diffusasi originariamente negli Stati Uniti e nel Canada, i missionari della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni si sono diffusi in altre nazioni, cominciando dall'Inghilterra fino al Sud America.

Nel mondo i Mormoni sono oltre 12 milioni (secondo le fonti ufficiali della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, stime del 2006), dei quali il 40% circa negli USA e 450 mila in Europa. Ogni anno, secondo la Chiesa stessa, si convertono circa 300.000 persone. Attualmente la Chiesa sarebbe presente in oltre 150 "Nazioni e Protettorati". I mormoni dichiarano di inviare i missionari e stabilire luoghi di culto fissi solo nei paesi che lo permettono, per rispetto delle leggi nazionali. In Israele la Chiesa mormone aveva aperto una sede staccata della Brigham Young University, per gli studi medio-orientali, attualmente (2007) non operativa. Non risulta che invece vi sia mai stata attività missionaria nel Paese.

[modifica] In Italia

La storia della Chiesa in Italia inizia alla metà del XIX secolo, con una missione di "anziani" (tra cui Lorenzo Snow) giunta a Genova il 25 giugno 1850. Si recarono poi in Piemonte dove svolsero attività missionaria tra i Valdesi. Nelle valli valdesi i missionari mormoni operarono tuttavia con scarso successo e quindi nel 1857 si spostarono in Svizzera. Ci fu un tentativo di riaprire la missione nel 1900, ma il permesso fu negato dalle autorità. Solo nel 1965, dopo aver ottenuto l'autorizzazione, la Chiesa ricominciò le attività missionarie in Italia.

In Italia i Mormoni oggi sono circa 22mila (secondo stime interne).

[modifica] Collegamenti esterni

Siti mormoni
Siti non mormoni